Sport

Il silenzio assordante dello Juventus Stadium. Il giocattolo potrebbe rompersi

Fin dall'inizio si sentiva un clima strano. Si percepiva qualcosa nell'aria, lo stadio non era pieno, non era tutto esaurito, e questo si che è una notizia. Lo sciopero dei tifosi bianconeri sta incidendo

Il presidente Andrea Agnelli non vuole bandiere in curva, alza il prezzo dei biglietti per la Champions League e i tifosi dello Juventus Stadium scioperano. Una situazione assurda, quasi grottesca per quella che doveva essere una festa. Per quella che è stata la prima volta della Juventus nel nuovo impianto. Stadio mezzo vuoto, prezzi alti e insulti tra curva e tribuna. Così non va, così il giocattolo potrebbe rompersi. Fin dall'inizio della serata di ieri si sentiva, o meglio si percepiva, un clima strano. Ad alimentare il fuoco ci ha pensato anche una prova non esattamente esaltante di Pirlo e compagni.

Insomma, lo Juventus Stadium per la prima volta dalla sua nascita non ha svolto il suo ruolo di 12° in campo. Lo sciopero degli ultras della Juventus era già preannunciato e, in un certo senso, avevamo assaggiato qualcosa con la Roma ma non ci aspettavamo quello accaduto ieri sera, o meglio quello che non è accaduto. I giocatori sono rimasti allibiti definendo il clima: "surreale", parole di Bonucci e Chiellini. La curva avrà tanti buoni motivi per protestare, ma lo sciopero in una partita fondamentale è difficile da sostenere.

Ok il problema bandiere. Ok il prezzo esagerato dei biglietti veramente troppo cari (40 euro una curva ndr), oltretutto a pochi giorni dalla partita contro la Roma. Magari la dirigenza deve cercare di andare incontro alle esigenze di tanti ragazzi che mangiano pane e mortadella durante la settimana per potersi permettere puntualmente il costo dei biglietti. Tutto vero. E' indispensabile però tener presente che la Juventus va tutelata ed è pur vero che lo stesso atteggiamento degli ultras contro ad esempio il Chievo non avrebbe avuto lo stesso risalto, ma in Champions è un altra cosa. Lì, nella competizione del martedì e del mercoledì, c'è la musichetta. L'unico suono sentito dallo Juventus Stadium. Alla fine sono anche saliti i cori della Sud: "Ci senti? La Juve siamo noi", verso la dirigenza, e la tribuna ha risposto con gesti e insulti verso la curva. Non esattamente un clima positivo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il silenzio assordante dello Juventus Stadium. Il giocattolo potrebbe rompersi

TorinoToday è in caricamento