Domenica, 17 Ottobre 2021
Sport

Juventus, contro l'Empoli sarà ancora panchina per Andrea Pirlo

Al tecnico livornese i guai fisici dei suoi centrocampisti creano non pochi pensieri per questo finale di stagione in cui bisognerà dimostrare su tre fronti diversi le vere forze della Vecchia Signora

Si apre il sipario sull’ultimo atto di questo lungo campionato che ha visto i bianconeri, protagonisti dalla prima giornata, ottenere da subito la testa della classifica e proseguire, come non succedeva da anni, il suo percorso in Europa. Proprio in questa fase per Allegri arriva il momento delle strategie più raffinate e delle scelte decisive, come quella che ha spinto il tecnico livornese a tenere fuori il numero 21 della sua Juventus per il match contro l’Empoli all’indomani degli impegni con le nazionali.

Sembrerebbe che la prima gara in cui il bresciano vedrà di nuovo il terreno di gioco sarà quella di ritorno in Coppa Italia contro la Fiorentina per prepararsi poi al match clou contro il Monaco nella gara valida per i quarti di Champions League. Andrea Pirlo è fuori dallo scorso 24 febbraio e dopo i venti giorni di prognosi iniziale lo stop si è prolungato per altri diciotto durante i quali si è allenato in modo personalizzato ed ha recuperato i carichi di lavoro in modo differenziato rispetto al resto della squadra, che già ieri ha fatto una partita di riscaldamento contro la primavera.

Ma per mister Allegri i guai a centro campo continuano con Caceres e Marchisio ancora fuori con Asamoah. A Vinovo intanto sono rientrati tutti i bianconeri impegnati con le relative nazionali, compresi Tevez e Pereyra. In mezzo al campo per la Juve la soluzione potrebbe essere offerta dal trio composto da Vidal, Sturaro e Pereyra che fino ad oggi però non è stato ancora messo alla prova dal primo minuto. Mentre davanti, secondo quanto spiegato da Allegri, potrebbe trovare spazio Llorente in coppia con Carlos Tevez.

Sulle condizioni degli juventini infortunati, durante la conferenza stampa,  Allegri ha spiegato che: “Asamoah sta andando benino, potrebbe essere un regalo di fine anno. Romulo torna dal Brasile la prossima settimana e speriamo di averlo a disposizione, ma è tanto che non gioca. Caceres è fuori per spalla e caviglia e non rientrerà. Marchisio la prossima settimana a disposizione: marrone e De Ceglie in gruppo". La capolista, ancora imbattuta tra le mura dello Juventus Stadium, tenterà di aumentare il gap con le inseguitrici, ma dovrà fare i conti con un Empoli che da ben otto giornate non perde e che tenterà in tutti i modi di allungare la sua striscia di risultati utili.

Sono soltanto otto i precedenti tra le due formazioni che hanno visto i bianconeri vittoriosi per sette volte. L’unico pareggio annotato negli annali del calcio risale alla stagione 1998/99 quando il match finì a reti inviolate. A chi chiede al tecnico della Vecchia Signora le sensazioni sulla fine del campionato la risposta è servita con schiettezza: "Non si è ancora deciso, vediamo se siamo bravi a chiuderlo prima. Vincere - spiega Allegri - non è semplice, finora abbiamo fatto un buon lavoro. Ma adesso siamo alla stretta finale e in questi due mesi ci giochiamo campionato, Champions e Coppa Italia".

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pereyra, Sturaro, Evra; Coman, Llorente. All.: Allegri

Empoli (4-3-1-2): Sepe; Hysaj, Rugani, Tonelli, Mario Rui; Vecino, Valdifiori, Croce; Saponara; Maccarone, Pucciarelli. All.: Sarri

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, contro l'Empoli sarà ancora panchina per Andrea Pirlo

TorinoToday è in caricamento