rotate-mobile
Sport Vallette / Corso Gaetano Scirea

Juventus, altro tonfo in campionato: i numeri della crisi. Oggi si decide per il ritiro

Allegri durissimo dopo la partita con il Verona

La Juventus cade per l'ennesima volta in campionato e a questo punto la classifica diventa perentoria. Se oggi, domenica 31 ottobre, il Napoli dovesse vincere la distanza dalla vetta per i bianconeri diventerebbe di ben 16 punti, un gap quasi incolmabile. La priorità però in questo momento non è guardarsi avanti, ma stare attenti alle spalle. 

I bianconeri, al momento ottavi in classifica, potrebbero essere scavalcati da Fiorentina e Sassuolo; Bologna ed Empoli potrebbero agganciarla; mentre il Torino, a parità di partite giocate, è a un solo punto di distanza. Numeri che fotografano chiaramente una crisi che sul campo è già ben visibile. 

"Non servono le parole, c'è ben poco da dire. Siamo a metà classifica, sono convinto che abbiamo la capacità per tirarci fuori da questa situazione", ha commentato Max Allegri dopo la gara dei bianconeri persa per 2-1 in casa del Verona. "Il Verona ha giocato la partita giusta, forse pensavamo di essere più bravi di loro, ma adesso non è così. Non si vince solo perché indossiamo la maglia della Juventus. In questo momento non ci sono parole, è inutile parlare, non c'è nulla da aggiungere. Dobbiamo ritrovare l'atteggiamento giusto, quello di chi scende in campo con la voglia di lottare come ha fatto il Verona. Pensiamo a martedì e poi alla sfida di sabato contro la Fiorentina: dobbiamo ritrovare la vittoria".

Il futuro della stagione dei bianconeri - e forse della panchina di Max Allegri - si potrebbe decidere tutto in una settimana: martedì la Juve affronterà lo Zenit, mentre sabato a Torino arriverà la Fiorentina. Intanto c'è chi parla anche di ritiro per la squadra, oggi la decisione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, altro tonfo in campionato: i numeri della crisi. Oggi si decide per il ritiro

TorinoToday è in caricamento