Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sport

Juventus, Conte non molla: "Lo Scudetto non è ancora vinto"

Prima c'è sempre lo scudetto, quel terzo titolo consecutivo che Conte vuole fortissimamente e che sente ancora lontano a dispetto del +14 sulla Roma (o +11 virtuale)

Lo Scudetto è il "grandissimo obiettivo" di cui parla Antonio Conte anche alla vigilia dell'andata degli ottavi di Europa League con la Fiorentina. Guarda al campionato senza sentirsi al sicuro: "Discorso chiuso? Assolutamente no - dice il tecnico bianconero - è vero che abbiamo aumentato di altri 3 punti il vantaggio, ma restano da giocare 11 partite, cioè ci sono in palio ben 33 punti". 

Se ne può riparlare, per aumentare la quota del famoso 50% pronosticato domenica scorsa tra un paio di settimane, "dopo l'andata e ritorno in Europa con la Fiorentina e le due trasferte di Genoa e Catania in campionato". Ma anche la Coppa, sia pure non quella con 'orecchie a sventolà fa gola. "Vincerla - ammette il tecnico bianconero - sarebbe bellissimo ed importante, anche per arricchire l'esperienza internazionale a livello di club di quei giocatori che ancora non ne hanno tantissima". 

>>> LE FORMAZIONI <<<

In Europa, ben che vada, tra due settimane resteranno due sole italiane: il Napoli se supererà il Porto, e la vincente di Juve-Fiorentina. In Champions, con l'uscita del Milan non ce n'è più nessuna. "Non ci sono tanti soldi, questo è il problema - dice Conte - e quando manca il denaro, ci vogliono idee, metodo e disciplina. Solo cosi» le squadre italiane potranno tornare ad essere protagoniste nelle coppe europee. Detto questo, anche Juve-Fiorentina può essere »uno bello spot per il calcio italiano". 

Sarà una "sfida molto equilibrata. Entrambe - sottolinea Conte - vogliono passare il turno. Si gioca prima a Torino (quattro giorni dopo l'1-0 dei bianconeri in campionato, ndr), ma non faremo calcoli o particolari strategie. Puntiamo a vincere domani e anche tra una settimana a Firenze". 


>>> DIRETTA <<<

C'è un vantaggio 'psicologico' che l'allenatore campione d'Italia attribuisce agli avversari. "Non hanno più niente da chiedere al campionato, perchè in Europa League ci finiranno comunque, essendo finalisti di Coppa Italia. La Fiorentina potrà concentrare tutte le sue energie migliori in Europa League, noi invece dobbiamo badare a due traguardi. Sarà una Fiorentina agguerrita - conclude Conte - e, penso, una bella partita: ben difficilmente finirà 0-0 senza tiri in porta". Le rotazioni degli uomini della rosa è fuori dubbio: contro la Fiorentina, Osvaldo-Giovinco coppia d'attacco, Isla e Peluso esterni di centrocampo. Rientreranno - rispetto a domenica - Bonucci e Pirlo.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, Conte non molla: "Lo Scudetto non è ancora vinto"

TorinoToday è in caricamento