Martedì, 28 Settembre 2021
Sport

Juventus, con Conte i primi 500 giorni da capolista

Dal 7 aprile 2012 al 24 agosto 2013, 16 mesi sempre in testa in Italia: 35 vittorie, 7 pareggi e 5 sconfitte per i bianconeri

"Penso che si sia vista una grande Juventus". Antonio Conte riparte con un successo in campionato dopo la vittoria sulla Samp che che ha visto i bianconeri tornare a vincere al Ferraris dopo 7 anni.

I bianconeri di Conte non sbagliano un colpo.  Un dominio iniziato il 7 aprile del 2012, quando la Vecchia Signora batté il Palermo 2-0 e si portò in testa alla classifica, scalzando il Milan. Da allora sono passati 506 giorni, oltre 16 mesi, vissuti da dominatori.  In totale 35 vittorie, 7 pareggi e 5 sconfitte in 47 partite di campionato e da allora sempre in testa alla classifica. 

"Mi è piaciuto l'approccio da grande squadra - ha detto Conte -. Non dimentichiamo che la Samp l'anno scorso è stata la nostra bestia nera e ci ha battuto due volte. Ho visto una squadra padrona del campo che ha creato e costruito senza subire".

A pochi giorni dalla Supercoppa Conte appare ancora più soddisfatto della squadra per un esordio positivo su un campo difficile giocando 90' sotto una pioggia battente. "Sono molto contento - ha detto - si è vista una squadra che ha impostato il proprio gioco prendendo pochissime ripartenze. Eravamo più attenti e aggressivi. La musica rispetto al passato è cambiata, è diversa». A sorprendere è stata la scelta di effettuare i cambi solo all'ultimo minuto. Conte ha spiegato di «non aver fatto sostituzioni perchè la squadra mi stava soddisfacendo. D'altra parte siamo all'inizio e non abbiamo turni infrasettimanali".

Per Conte Carlos Tevez "si sta inserendo, così come Ogbonna e Llorente. Abbiamo uno spartito da suonare insieme ma sono contento per la crescita dei singoli. Adesso dobbiamo continuare così e stare attenti perchè le insidie sono dietro all'angolo".

E per l'argentino sono solo elogi: "Ho scoperto un campione, sul suo conto ne avevo sentite tante e invece ho trovato un giocatore che sa dare un contributo di qualità, dà anche un contributo caratteriale perchè partecipa anche alla fase difensiva da assatanato. È davvero encomiabile, ne avevo sentite dire tante su di lui, devo dire che ho scoperto un campione sotto tutti i punti di vista, non solo in campo ma anche a livello caratteriale, a livello di personalità, per come si è integrato con i compagni e per come si è messo a disposizione".

Il tecnico bianconero ha poi commentato la sconfitta del Milan. "Nel campionato italiano non mi sorprende nulla - ha detto -. Tra quelli europei è l'unico che vede 4/5 squadre in grado di vincere lo scudetto. Bisogna stare attenti in campi come quello del Verona o quello di Marassi. Abbiamo evitato una buccia di banana".

E Tevez sorride: "È stata una serata perfetta, ho segnato, abbiamo vinto. Ma dobbiamo ancora migliorare". E anche Delio Rossi fa i complimenti alla Juve: "La Samp ha giocato con lo spirito giusto contro una squadra più forte di noi":

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, con Conte i primi 500 giorni da capolista

TorinoToday è in caricamento