Venerdì, 24 Settembre 2021
Sport

Juve Campione d'Italia: ecco la cavalcata Scudetto

Tutto cominciò con un poker al Parma nel nuovo stadio, messaggio beneaugurante. Dalla vittoria sul Milan nel primo scontro diretto alla sfida rovente del ritorno al Meazza passando anche per quel filotto di X

Sei anni esatti. Tanti sono passati dall'ultimo successo, sul campo, della Juventus a oggi. La squadra di Antonio Conte, sorprendendo tutti, forse anche se stessi vince il campionato e alza al cielo lo Scudetto 2011-2012. La Vecchia Signora, con una stagione perfetta, trionfa nel 110º campionato italiano di calcio, l'80º a girone unico. La stagione vede un inizio tutto in bianco e nero, con la nuova Juventus di Conte e l'Udinese di Guidolin che nelle prime giornate si contendono il primato in classifica. Se i piemontesi, reduci da due annate al di sotto delle aspettative, sono quasi una sorpresa, i friulani riconfermano quanto mostrato nell'ottima stagione precedente. Stentano invece le milanesi: il Milan ha una partenza sottotono, come non accadeva alla squadra campione in carica dalla stagione 1990-91 mentre non va meglio all'Inter, che con quattro punti in sei partite batte il precedente record negativo del 1983-84. 

Basta poco per capire però che la Juventus di questa stagione è concreta. Il Milan arranca, l'Inter non c'è, la Lazio è incerottata e la Roma ha troppi bassi e pochi alti. Il 2 ottobre arriva la prima prova importante nel nuovo Juventus Stadium. A Torino la squadra di Conte domina e batte il Milan per 2 a 0 con la doppietta di Claudio Marchisio. Visti i pareggi contro Chievo e Genoa, però, bisogna aspettare le vittorie contro Fiorentina e a San Siro contro l'Inter e il pareggio in rimonta contro il Napoli per 3 a 3 lanciano il primo vero segnale: questa Juve lotterà per lo Scudetto fino alla fine.

Comincia il periodo grigio. Dopo il calciomercato di gennaio, il maltempo interrompe la corsa juventina e i troppi rinvii (a Parma e Bologna) inceppano la Juve. L'Udinese, per effetto del recupero della prima giornata rinviata per sciopero, incontra la Juve solo dopo 15 giorni dal match del Friuli e viene battuta. Ma la squadra di Conte arriva stanca al grande match, a Milano, contro il Milan. La partita che per tutto l'anno resterà quella del "gol di Muntari", ma che poi finirà per 1 a 1. Tante, troppe polemiche e un match drammatico, la Juve comunque porta a casa il pari prezioso. Ill Milan vola a più quattro. Tutto perduto? Macchè. 

Il Milan tentenna, la Juve no e oltre ad essere una  grande difesa la squadra di Conte dimostra di essere anche una macchina da reti. I gol piovono, 23 in otto partite. Contro il Lecce, rimasto in dieci per tutto il secondo tempo, c'è il primo match poi ma la Juve regala l'incredibile pari con una papera di Buffon che ha quasi dell'assurdo. Poi la notte dello scudetto, l'altalena di gol, i ruggiti di Ibrahimovic dal Meazza prima che l'Inter stenda il Milan e consegni, sublime ironia del calcio, lo scudetto alla Juve vincente col Cagliari. La Vecchia Signora è tornata in cima al calcio italiano. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juve Campione d'Italia: ecco la cavalcata Scudetto

TorinoToday è in caricamento