Claudio Pizzigallo

Opinioni

Claudio Pizzigallo

Giornalista TorinoToday

Quanto c'è di torinese (e di juventino) nel trionfo dell'Italia agli Europei

Ancora decisivi i bianconeri, Belotti stavolta sbaglia

Bonucci e Chiellini a letto con la coppa di Euro 2020

Può sembrare un'esagerazione, ma per certi aspetti la vittoria dell'Italia agli Europei è persino più bella di quella ai mondiali del 2006. 

Perché veniamo da un anno e mezzo di sofferenze, lockdown, morti, terapie intensive piene, nonni a lungo separati dai nipoti, e abbiamo vinto la prima competizione internazionale rimandata di un anno, con il paradosso di Euro 2020 che si è giocato nel 2021. Ma questo, in realtà, vale per tutti, anche per gli inglesi che non se la sono certo passata bene. 

Però vincere a Wembley, in uno stadio pieno di maglie bianche, è una sensazione senza eguali. Gli inglesi erano convinti di avere già vinto: nei giorni prima della partita, quando il loro "it's coming home" ci sembrava, a noi popolo di scaramantici, un incredibile atto di arroganza; poco prima del match, quando alcuni "tifosi" hanno dato fuoco a una bandiera italiana; e pure durante l'inno di Mameli, coperto dai fischi dei sostenitori avversari. 

Alla fine abbiamo vinto noi. Noi che tre anni fa guardavamo i mondiali degli altri, dopo la triste eliminazione contro la Svezia nei playoff di qualificazione. E che oggi possiamo guardare tutti dall'alto in basso, dal tetto d'Europa, quell'Europa da cui il Regno Unito è voluto uscire, e con la "Brexit calcistica" che porta la nostra firma. 

Alla fine abbiamo vinto noi. E, diciamolo, c'è molto di torinese in questo successo. Dopo una semifinale vinta grazie ai 3 rigori segnati da Belotti, Bernardeschi e Bonucci - dopo il gol di Chiesa - abbiamo portato la coppa a casa al termine di un match dominato dagli azzurri, in particolare dalla nostra difesa, dal nostro muro formato dai bianconeri Chiellini e Bonucci: il primo, attualmente svincolato (Juve, rinnova subito il contratto a Re Giorgio), ha annichilito Kane, mostrandogli cosa significa lottare con le unghie e con i denti; il secondo, poi, ha segnato il gol del meritato pareggio e si è confermato dal dischetto.

Così come Bernardeschi, che è stato decisivo con i suoi due rigori, dopo anni di sofferenza in bianconero. E pazienza se il Gallo Belotti stavolta ha fallito il tiro dagli undici metri, ci ha pensato Gigio Donnarumma a regalarci questo trionfo, per poi ripetere, davanti ai microfoni, che il suo mito è ancora e sempre Gigi Buffon. 

Quindici anni fa, a Berlino, solo Del Piero portò un po' di torinesità nella vittoria ai rigori. Ieri sera, tre tiratori su cinque hanno casa all'ombra della Mole. Ed è impossibile, anche per i tifosi granata più accaniti, non esultare guardando il video di Bonucci che, prima della premiazione, ha guardato i 58.000 tifosi inglesi che lasciavano lo stadio e ha consigliato loro di "mangiare ancora tanta pastasciutta" se vogliono battere l'Italia.

Ecco, se c'è una dedica speciale che va fatta in questo momento, è per tutti gli italiani che vivono all'estero, in particolare Oltremanica. Troppo spesso sbeffeggiati, derisi, presi di mira e pure costretti a lasciare la Gran Bretagna del dopo-Brexit. Che siano tifosi della Juve, del Toro o di qualunque altra squadra, questa vittoria così torinese è per loro. È per tutti noi, italiani sparsi per il mondo, che ieri sera abbiamo realizzato il nostro sogno azzurro. Grazie ragazzi!

Si parla di
Sullo stesso argomento

Quanto c'è di torinese (e di juventino) nel trionfo dell'Italia agli Europei

TorinoToday è in caricamento