Domenica, 26 Settembre 2021
Sport

Derby, il punto sulla Juve: concentrazione e giusta mentalità per vincere

Conte pensa anche alla Champions e sfrutta l'ampiezza della rosa; i bianconeri potranno contare su uno stadio tutto esaurito a sostenerli

Il derby è tornato, ma mercoledì la Juve si gioca il passaggio del turno a Donetsk. Impossibile per Conte non pensare a quel punto che ancora  separa i bianconeri dagli ottavi di Champions, eppure sarebbe un grave errore scambiare il derby per un match contro una squadra di media-bassa classifica. Innanzitutto perché per i tifosi (almeno quelli con un po' di memoria storica) la stracittadina vale molto più dei tre punti in palio e poi perché un altro stop, specie in una partita così sentita, potrebbe essere psicologicamente deleterio per il proseguimento di Champions e campionato.
 
La Formazione
Si diceva però che Conte deve tenere conto del doppio impegno e valorizzare chi può dare di più soprattutto dal punto di vista delle motivazioni. E' sicura la presenza di Giovinco che è chiamato al salto di qualità in una partita importante mentre il suo partner d'attacco sarà uno fra Matri e Vucinic, con quest'ultimo in pole position. Rispetto alla formazione titolare dell'ultimo periodo cambieranno probabilmente le corsie esterne con Giaccherini e Lichsteiner favoriti su Isla e Asamoah; difficile che Conte voglia rischiare Vidal vista l'assenza di Marchisio in Champions, per cui spazio a Pogba. Chiellini pienamente recuperato si posizionerà a sinistra nella difesa a tre.
 
Niente distrazioni
Dal punto di vista tecnico la Juve è nettamente superiore, soprattutto a centrocampo dove dispone di un centrocampista centrale in più rispetto al Toro. Per far valere la differenza tecnica la squadra di Conte deve scendere in campo con la giusta mentalità, evitando di ripetere l'inconsistente prestazione di San Siro, al di là del rigore inesistente. I bianconeri dovranno gestire la partita in modo intelligente, schiacciando il Toro nella sua metà campo e costringendo Cerci e Santana a ripiegare in difesa. Proprio i due esterni granata sono i principali pericoli in fase di non possesso palla: Il Toro ha già dimostrato di poter far male in contropiede anche a grandi squadre, per cui sarà fondamentale la collaborazione fra le fasce e i difensori laterali nel 3-5-2.
 
Valori aggiunti
Non era mai capitato che la Juve non vincesse due gare consecutive allo Stadium che deve ritornare la roccaforte inviolabile dell'anno scorso. I bianconeri potranno contare su uno stadio tutto esaurito che li inciterà per tutta la partita e sarà determinante convertire tutto questo calore in adrenalina da scaricare sul campo. A centrocampo Pirlo dovrebbe godere di una discreta libertà di azione, mentre Marchisio potrebbe essere fondamentale con gli inserimenti e soprattutto con la carica agonistica: dopo tutta la trafila delle giovanili lui e Giovinco sanno bene cosa voglia dire Juve-Toro e non è un caso che Conte scommetta su di loro fin dal primo minuto
 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Derby, il punto sulla Juve: concentrazione e giusta mentalità per vincere

TorinoToday è in caricamento