menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Auxilium, la pallacanestro torinese in crisi tra debiti e licenziamenti

La società in cerca di nuovi azionisti

Meno di un anno fa, la vittoria in Coppa Italia lasciava presagire un futuro roseo per il basket torinese, dopo anni difficili per la storica Auxilium, rinata nel 2015 grazie all’accordo tra Giovanni Asti – recentemente scomparso detentore del marchio storico – e il presidente delll'allora PMS, Antonio Forni, ancora oggi patron della società. Undici mesi dopo, e nonostante l’arrivo di uno sponsor importante come FIAT, la maggiore squadra di pallacanestro torinese è in piena crisi, tra scarsi risultati e una lotta salvezza sempre più dura sul campo, e debiti, ricerca di nuovi acquirenti e anche un licenziamento lontano dal parquet.

I problemi economici dell’Auxilium

Per portare al termine la stagione regolarmente, pagando cioè giocatori, fornitori e dipendenti, alla famiglia Forni servono circa 2 milioni di euro. Una mancanza di fondi che, sommata agli 8 milioni che i maggiori azionisti hanno sborsato negli ultimi anni, ha convinto Forni a cercare nuovi azionisti, o in alternativa un nuovo acquirente a cui cedere le proprie quote in cambio del pagamento dei debiti. Al momento sono in corso diverse trattative, in particolare con il fondo di investimenti Leonis, ma ancora nessuna è andata in porto. 

Il licenziamento di Carlos Delfino

A rendere ancora più tesa l'atmosfera in casa Auxilium c'è poi il licenziamento di Carlos Delfino: 36 anni, argentino, un passato anche in NBA, Delfino è stato licenziato il 10 gennaio dopo la lite avvenuta al termine della recente sconfitta interna con Avellino con Francesco Forni, vicepresidente del club. Secondo la versione fornita dalla società, Delfino avrebbe minacciato Forni che era andato a redarguire i giocatori: un atteggiamento che giustificherebbe l'allontanamento per giusta causa. Da parte sua, invece, Delfino sostiene di aver difeso i suoi compagni dagli attacchi ingiusti del vicepresidente, con un'invasione nello spogliatoio non gradita ai giocatori. 

La situazione in campo

Sul parquet, le cose non vanno meglio per la Fiat Auxilium. La sconfitta nell'ultima giornata contro Pesaro ha infatti aggravato una situazione di classifica che vede Torino all'ultimo posto insieme a Pistoia. Insomma, la vittoria di febbraio 2018 in Coppa Italia sembra oggi solo un lontano ricordo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento