Domenica, 19 Settembre 2021
Sport

Juventus, Conte sbotta come Mourinho: "Paura di fischiare per noi"

"Perchè non ci fischiano i rigori? È il segreto di Pulcinella. Dico solo che siamo trattati in maniera diversa rispetto alle altre 19 squadre e per uno sportivo come è difficile dirlo, mi addolora". Denuncia il tecnico della Juve

Antonio Conte, dopo il pareggio di Parma cambia colore, non si nasconde ed esplode in uno sfogo durissimo contro gli arbitri: "Lo sento nell'aria. È pesante e non mi piace. Sono stanco e deluso. Quello che penso è che c'è paura di fischiare qualsiasi cosa a nostro favore. Tra Siena e Parma potevamo avere sei punti, fare una fughetta, e invece ne abbiamo solo due. Anche stasera abbiamo dominato e torniamo a casa con un punto". Conte sembra quasi Mourinho nei suoi attacchi: "Perchè, perchè...", dice uno "Poruqe?, porque?" diceva l'altro. "Il perchè lo dovete chiedere a chi di dovere. - sbotta il tecnico bianconero - Basta andare un attimo indietro, e c'è la spiegazione", aggiunge.

La rabbia è per due rigori non concessi da Mazzoleni, "che resta un ottimo arbitro, ed è proprio questo che mi preoccupa. Ma non voglio star qui a parlare di episodi". A chi gli domanda allora se crede che la Juve stia ancora pagando Calciopoli, non risponde direttamente: "Dico che non voglio favori, ma non voglio nemmeno questo ostracismo: è impossibile che dopo 22 giornate in testa alla serie A non c'è una squadra, fino alla Lega Pro, che abbia meno rigori di noi? - continua - Perchè non ce li fischiano? È il segreto di Pulcinella. Siamo trattati in maniera diversa rispetto alle altre 19 squadre e per uno sportivo come me è difficile dirlo, mi addolora".

Il metro deve essere "quello che ha detto Braschi, cioè che devono essere tutte trattate nello stesso modo. Io voglio arbitri sereni, che non abbiano questa pressione. La sensazione - ribadisce - invece è che se non fischiano per la Juve non sbagliano, e se invece fischiano si fanno il segno della croce e dicono: 'Signore mio, speriamo che domani non mi ammazzino'".

E il Parma, che reclama per la spinta di Barzagli su Giovinco? "È svenuto, lì non c'è nulla. Loro hanno un rigore? E io stasera ne avevo due". Tutt'altra la reazione di Roberto Donadoni: "Non voglio rispondere, cadere in discussioni banali. Lo dico da tempo, è una questione di correttezza e di eleganza. Credo che squadre quotate come Juve, Milan e Inter debbano mantenere questo concetto di eleganza, ma non voglio insegnare niente a nessuno". Caustico, infine, il presidente emiliano Tommaso Ghirardi: "Conte è stato un grande giocatore e stasera ha pareggiato. E basta. Credo che su Giovinco fosse rigore tutta la vita, è se c'è una squadra punita, è il Parma". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, Conte sbotta come Mourinho: "Paura di fischiare per noi"

TorinoToday è in caricamento