Sport

Calciopoli, Moggi : “Quella Juve era fatta da me e Giraudo. Il comunicato bianconero fa rabbia”

Alla delusione per la sentenza si aggiunge quella per il comunicato del club: "Non capisco cosa voglia dire estraneità dei fatti. Non scendeva Moggi in campo, ma la squadra"

“Il comunicato della Juventus non l’ho capito. Ho più rabbia che delusione. In campo non andavo solamente io, ma quella la Juventus era fatta da me e da Giraudo”. Sono le parole di Luciano Moggi ai microfoni di Radio Manà Manà Sport 24. “La Juventus con quella squadra ha fatto i risultati e vinto i trofei se adesso chiedono chiarezza sui due scudetti è anche merito della nostra Difesa, non capisco cosa significa 'essere estranea'. La massima autorità in quegli anni era Antonio Giraudo, amministratore delegato, e senza la firma sua non si spendeva una lira. Tutto quello che ho fatto e detto, l’ho fatto insieme a lui quindi non capisco e non voglio capire l’atteggiamento della Juventus”. Conclude Moggi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calciopoli, Moggi : “Quella Juve era fatta da me e Giraudo. Il comunicato bianconero fa rabbia”

TorinoToday è in caricamento