menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Juventus, Giovinco è rinato ma può partire. Platini attacca la Roma

L'ex campione bianconero si è detto anche contrario all'introduzione della tecnologia: "della moviola in campo ne penso tutto il male possibile, sarebbe un disastro"

Fiducia azzurra per Giovinco. L'Italia riconsegna alla Juventus e a Massimiliano Allegri un giocatore rigenerato dalle buone prove con Azerbaijan e Malta che può tornare utile in vista del nuovo ciclo di sette partite che, tra campionato e Champions League, porterà alla prossima sosta per le Nazionali in programma a metà novembre.

Due spezzoni di gara per Giovinco ma sufficienti per risultare in entrambe le occasioni il migliore della squadra di Conte. Energia pura, dunque, per il fantasista bianconero che ha vissuto un pò ai margini questo avvio di stagione: in campionato è stato titolare soltanto in un'occasione, contro il Cesena, quando ha fornito peraltro un'altra prestazione positiva per 90 minuti; in Europa ha avuto a disposizione soltanto una manciata di minuti contro il Malmoe. 

Le performance con la Nazionale restituiscono quindi fiducia al numero 12, in attesa di replicare con la maglia bianconera. Con il Sassuolo mancherà Morata, squalificato, così Giovinco potrebbe ritagliarsi uno spazio importante, essendo il primo cambio di Tevez e Llorente. Proprio lo spagnolo è l'altra pedina dell'attacco di Allegri che deve ancora sbloccarsi: titolare in sette delle otto partite fin qui disputate, l'ex centravanti dell'Athletic Bilbao è ancora a quota zero gol. E anche per lui, così come per Tevez prossimo al ritorno nella selezione argentina, potrebbero riaprirsi le porte della nazionale, dopo essere stati entrambi ignorati per i Mondiali brasiliani. 

Allegri, intanto, ha concesso un giorno di riposo agli azzurri tornati nella notte da Malta. Riprenderanno ad allenarsi oggi pomeriggio, quando a Vinovo torneranno anche Pogba e Lichtsteiner imepgnati questa sera con Francia e Svizzera. Soltanto giovedì torneranno invece Asamoah e Vidal. Dal Sassuolo riparte dunque la corsa scudetto, due settimane dopo l'infuocato scontro con la Roma che continua a sollevare polemiche. 

"Sono sempre le solite storie - ha detto a Bruxelles il presidente dell'Uefa, Michel Platini, a margine di un incontro -: che la Juve è favorita, che chi vince è perchè è favorito dagli arbitri. È sempre così. La partita non l'ho nemmeno vista; dopo ho sentito molte cose, sempre le solite". L'ex campione bianconero si è detto anche contrario all'introduzione della tecnologia: "della moviola in campo ne penso tutto il male possibile, sarebbe un disastro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento