rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Calciomercato

Torino alle prese con la "rivoluzione d'agosto": Belotti verso l'Inter e Izzo verso il Cagliari. Arriva Pobega

In entrata si spera in Orsolini e Messias: Juric ha bisogno di nuovi giocatori

Tra sette giorni, alle 23 di martedì 31 agosto 2021, si concluderà la sessione estiva del calciomercato. Occhi puntati in casa Torino, dove si prospettano sette giorni di fuoco e che potrebbero portare ad una vera, e clamorosa, "rivoluzione d'agosto".

I rumors delle ultime ore parlano di una imminente cessione all'Inter del "Gallo", il capitano Andrea Belotti. Il gol di sabato contro l'Atalanta ha fatto immaginare un futuro differente per l'attaccante bergamasco, con un imminente rinnovo.

Invece, l'Inter, alla ricerca di una punta da affiancare a Dzeko - e, per i primi tempi, quale sua riserva - e Marotta pare abbia sondato proprio il Toro. Il patron Cairo e il ds Vagnati hanno aperto ad una possibile cessione: 22 milioni circa, al netto di bonus. Cifre ancora aleatorie. L'unica certezza è che la trattativa c'è: se si concretizzerà o meno, bisogna aspettare. 

Al momento, il mercato dei granata del patron Cairo ha rasentato l'immobilismo, con l'arrivo in prestito dalla Juve di Marko Pjaca, della punta danese Magnus Warming - vero oggetto misterioso - il 19enne Dennis Stojkovic e il portiere ex Spal, Etrit Berisha.

Poco, troppo poco. Sia per i tifosi, che vorrebbero una squadra forte. Sia per Juric, che ha già palesato a più riprese come manchino uomini in tutti i reparti.

Chi può partire: almeno dieci giocatori in bilico. Izzo verso il Cagliari

Partiamo da chi potrebbe lasciare la Mole. In difesa, Lyanco è di fatto un giocatore del Southampton, per una cifra vicina ai 7 milioni di euro. Anche Armando Izzo ha la valigia pronta, con destinazione Cagliari, dove dovrebbe fare il percorso inverso il difensore polacco Sebastian Walukiewicz. Difficile, invece, la cessione di Rodriguez e Djidji.

A centrocampo, Rincon potrebbe tornare al Genoa, mentre Baselli potrebbe trovarsi a fare il mediano di riserva e giocare scampoli di partita, visto che Juric ha le idee chiare in merito: in mezzo i titolari saranno Mandragora e Pobega. Stesso discorso per Lukic, mentre Linetty potrebbe essere tolto dal mercato.

Verdi è uno di quei giocatori che il Toro potrebbe usare come pedina di scambio. In particolar modo con il Bologna, per riuscire ad arrivare a Orsolini. Niente cessione, anche solo in prestito, per Edera, che rimarrà qui per tutta la stagione per via del grave infortunio patito. 

In attacco, detto di Belotti, Zaza aveva mercato ma l'infortunio potrebbe aver bloccato tutto. All'ultimo dovrebbe lasciare Torino Iago Falque, ormai ai margini di qualsiasi progetto granata.

Chi può arrivare: da Pobega a Messias e Orsolini, passando per Manolas

Detto di Pobega, in arrivo in prestito dal Milan - e a fine stagione le due società si aggiorneranno per un eventuale prestito con diritto o obbligo di riscatto - in difesa l'ultimo nome è quello di Manolas del Napoli. Ma i 15 milioni chiesti dal presidente De Laurentis hanno spaventato, e non poco, Cairo.

Si parla anche, oltre che di Walukiewicz, di Becao dell'Udinese, di Shkodran Mustafi - ex Samp - e di Ozan Kabak dello Schalke 04.

A centrocampo, potrebbero esserci colpi in entrata solo in caso di cessioni, non escludendo cambi alla pari. Nella trequarti, invece, i nomi sono tanti: da Messias del Crotone e Orsolini del Bologna, passando per lo svincolato Gaston Ramirez e alla suggestione Ribery (ma è solo una suggestione) e per Chiquinho del Benfica.

In avanti è davvero un "terno al lotto": se parte Belotti, Juric dovrà capire se mettere come punta centrale Sanabria e cercare una seconda punta come potrebbero essere Caprari e Salcedo, che lui ha già avuto a Verona. O, ancora, un bomber di peso come Scamacca del Sassuolo o Caicedo della Lazio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino alle prese con la "rivoluzione d'agosto": Belotti verso l'Inter e Izzo verso il Cagliari. Arriva Pobega

TorinoToday è in caricamento