Lunedì, 22 Luglio 2024
Calcio

Empoli-Juventus 2-3: il solito Vlahovic regala i tre punti. Ma la difesa sbanda

Gli highlits della sfida del Castellani

Nell'anticipo della 27esima giornata di Serie A 2021-22, la sfida fra Empoli e Juventus  è finita con il risultato di 2-3 grazie alle reti di Kean al 32', Zurkowski al 40', Vlahovic al 47' e al 65' e La Mantia al 75'. 

Dopo i tre pareggi consecutivi, fra campionato (Atalanta e Torino) e Villarreal in Champions, ecco giungere la vittoria per la squadra di Allegri. 

Sintesi primo tempo

I bianconeri si schierano dal primo minuto con una formazione diversificata rispetto a quella di Villarreal: il modulo è sempre il 4-3-3 con Szczesny tra i pali; difesa a quattro con Danilo, Bonucci, De Ligt e Pellegrini (che vince il ballottaggio con De Sciglio); in mezzo la triade composta da Zakaria, Arthur e Rabiot; davanti, invece, Cuadrado agirà assieme a Vlahovic e a Kean.

Il vento è il vero "fattore a sorpresa", che ha creato problemi ai bianconeri nella prima frazione di gioco. 

Nel volgere di due minuti, fra il 5' e il 7', la Juventus crea due occasioni da rete: prima Danilo, sugli sviluppi di un corner calciato da Cuadrado, che ci prova di testa ma la palla finisce sopra la traversa.

Poi Zakaria: Vlahovic per l'altro neo acquisto invernale, ma Vicario con grande fortuna devia in corner.

Terza occasione al 17' con Vlahovic, su assist di Kean, ma la palla finisce di poco fuori. 

Al 19' l’Empoli reclama un rigore per un presunto contatto fra Rabiot e Zurkowski: Maresca fa proseguire e non arrivano segnali dal Var. 

Un minuto dopo e i toscani sfiorano il vantaggio con Bajrami che crossa per Zurkowski ma Bonucci salva in calcio d’angolo.

Il palleggio dell'Empoli mette in difficoltà il centrocampo bianconero. La Juve, infatti, cerca sempre la giocata rapida per scavalcare il centrocampo e servire Vlahovic. 

Al 32' la Juve passa con Kean. Rabiot riceve da Pellegrini, cross in mezzo con il contagiri e il vercellese che di testa supera Vicario: 0-1. Neanche il tempo di esultare e i bianconeri devono effettuare un cambio: ad uscire è Zakaria (il nono infortunio di questo periodo dell'anno), per un problema fisico all'inguine. Al suo posto Locatelli. 

Al 40' arriva il pareggio dell'Empoli con Zurkowski sugli sviluppi di un calcio d'angolo: la palla rimane nell'area piccola, il centrocampista riesce a prendere la palla e, con un colpo da calcio a 5, supera Szczesny per l'1-1. Se da una parte si deve plaudire la tenacia del giocatore empolese, dall'altra non si può non denunciare l'ennesimo e decisivo errore della difesa bianconera, visto che Bonucci e Danilo non riescono a spazzare la palla. 

Ma a pochi secondi dalla fine del primo tempo, al 47', Dusan Vlahovic - ancora lui - trova il vantaggio. Cuadrado probabilmente vuole tirare in porta ma il suo tiro diventa un assist per l'ex viola che prima finta e poi supera Vicario: 1-2. 

Cronaca secondo tempo

Nella ripresa Allegri non cambia la formazione. La Juve fin dai primi minuti è in gestione della partita, con Arthur che sale in cattedra, prendendo le redini della squadra. 

Al 60' secondo cambio per i bianconeri: esce Kean, entra Morata. Ma il succo non cambia, in termini di modulo e di impostazione del gioco. 

Ma il terzo gol arriva, ancora con Vlahovic: è il 65' quando Morata serve in profondità il nuovo bomber che, con un tocco sotto, supera nuovamente Vicario: 1-3 e prima doppietta con la nuova maglia.

Al 75', Bajrami mette in mezzo si punizione: tiro velenoso che Bonucci, di testa, manda sulla traversa. Un gol praticamente salvato.

Sugli sviluppi è La Mantia accorcia: palla in mezzo che arriva all'attaccante empolese che di prima intenzione calcia in porta superando uno Szczesny ancora incerto: 2-3.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Empoli-Juventus 2-3: il solito Vlahovic regala i tre punti. Ma la difesa sbanda
TorinoToday è in caricamento