rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sport

Europa League, Torino tra turn-over e aggiustamenti

Con oltre 1.400 tifosi al seguito, il Torino prova ad invertire la rotta giovedì a Bruges, nell'esordio della fase a gironi di Europa League, dopo la disastrosa partita di Genova in campionato contro la Sampdoria

Il Torino cerca l'impresa a Bruges nell'esordio di Europa League. Non sono pochi i tasselli che il tecnico Ventura deve mettere a posto: il gioco granata è ancora inespresso, anche per assenze importanti (Farnerud, Ruben Perez) e la logica conseguenza sono le poche - finora pochissime - palle gol. 

Finora è naufragato Larrondo, tra un acciacco e l'altro è rimasto nell'ombra Barreto, non è andato a segno neppure Quagliarella. Amauri ha giocato ancora poco, come pure Martinez. Ma l'anemia granata è figlia di un gioco ancora carente e Ventura è al lavoro proprio per costruirlo, puntando di più, probabilmente, su Sanchez Mino, ma soprattutto attende con impazienza il recupero di Farnerud e Ruben Perez. 

Il Toro di Bruges cambierà volto, e saranno modifiche a metà strada tra il turn-over e una piccola rivoluzione. In porta, dovrebbe tornare Gillet - sarebbe la prima partita ufficiale dopo la lunga squalifica - ed in questo caso si tratta di avvicendamento puro con Padelli, che ha ormai soffiato il posto da titolare al belga. A centrocampo si rivedranno probabilmente Benassi al posto di Nocerino e Gazzi per Vives. I granata partiranno domani mattina dall'aeroporto di Caselle.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europa League, Torino tra turn-over e aggiustamenti

TorinoToday è in caricamento