Gracias Martin, Obrigado Rubens: la Juve saluta i due sudamericani

Ieri sono scaduti i contratti di due giocatori juventini che, pur senza essere titolari, hanno fatto parte del gruppo più vincente del calcio moderno

I magnifici 8 della Juventus hanno perso un altro pezzo. Dopo Simone Padoin, che ha salutato la squadra bianconera per accasarsi al Cagliari, anche Martin Caceres lascia la Vecchia Signora, con il contratto scaduto ieri e con la conseguente libertà di andare a giocare dove vuole.

Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Marchisio, Lichtsteiner: sono loro i 6 rimasti del gruppo che ha vinto cinque scudetti di fila, facendo la "#Hi5tory" del club torinese. Caceres era arrivato nel 2009 in prestito dal Barcellona; a fine stagione aveva fatto ritorno in Spagna, per andare al Siviglia, ma poi era tornato per la stagione del primo scudetto dell'era Conte, rimanendo in bianconero per tutto il quinquennio in cui, oltre ai 5 scudetti, ha vinto anche 2 Coppe Italia e 3 Supercoppe italiane. 

Ecco il video condiviso dalla pagina Facebook della Juventus per salutare Martin Caceres

Un anno dopo l'uruguaiano Caceres, arrivò a Torino un altro sudamericano: Rubinho Rubens Fernando Moedim, per tutti semplicemente Rubinho. Per quattro anni è stato il terzo portiere della Juve, dietro a Buffon e Storari prima e a Neto poi. Oggi la Juve saluta anche lui, che potrà quindi cercare un nuovo club in cui magari vincere di meno ma giocare sicuramente di più delle due sole presenze accumulate in 4 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento