Addio a Giuseppe, il gregario scelto e voluto da Fausto Coppi: era anche ex comandante dei vigili urbani

Aveva 87 anni

Giuseppe Cainero ai tempi della Carpano

Era uno dei gregari di Fausto Coppi, il "Campionissimo". Anzi, a dirla tutta, fu la stessa leggenda delle due ruote a volerlo a tutti i costi tra le fila della "Carpano", nel 1956. Perché aveva quelle doti di passista-scalatore che tanto piacevano a Coppi. 

Il "gregario perfetto", Giuseppe Cainero, è morto giovedì 21 maggio 2021 a 87 anni nella sua casa di Altessano, la storica borgata di Venaria.

Nato a Nimis, in provincia di Udine, il 31 luglio del 1932, Cainero si era già messo in luce nel mondo del dilettantismo, riuscendo a vincere diverse gare. 

Poi il passaggio nel professionismo, nel 1956. Alla "Carpano" di Fausto Coppi e Ferdi Kubler. Milano-Sanremo, Milano-Vignola (dove arrivò secondo, ndr), campionati italiani (ottavo, miglior piazzamento), Giro del Piemonte, Sassari-Cagliari, Giro di Sicilia.

Una vita al servizio anche di Nino Defilippis, altro grande campione del ciclismo. Ma una sola vittoria di prestigio tra i professionisti: la “Meisterschaft von Zürich”, importante corsa ciclistica elvetica, nel 1958.

Cainero è uno dei tanti protagonisti della tappa del Bondone del Giro d'Italia del 1956, la Merano-Bondone, dove in tanti patirono le pene dell'inferno, con pioggia, vento, bufera di neve. Con ciclisti che dovettero persino rifugiarsi in bar e osterie lungo il percorso per non morire di freddo.    

Nel 1961, la fine della carriera agonistica e il ritorno a Venaria, dove vinse il concorso per diventare agente di polizia urbana e persino comandante, ruolo che mantenne fino all'ultimo giorno di lavoro, nel 1994.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Malato da tempo, lascia la moglie Clelia, i figli Gisella e Roberto. I funerali si terranno domani, sabato 23 maggio 2020, alle 14.30, nella chiesa di San Lorenzo ad Altessano. Al termine, la salma proseguirà per il tempio crematorio di Mappano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Coronavirus, paziente in condizioni disperate salvato con l'ossigeno-ozono terapia

  • La prima movida dopo il lockdown: mascherine abbassate e distanze di sicurezza dimenticate

Torna su
TorinoToday è in caricamento