menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento del Giro 2018 (Rcs)

Un momento del Giro 2018 (Rcs)

Il Giro d'Italia per due giorni protagonista nelle strade del Torinese

I disagi previsti

Il conto alla rovescia è partito. Tra poco più di un giorno, l'edizione 101 del Giro d'Italia arriverà nel Torinese con due tappe che potrebbero essere determinanti per l'assegnazione della maglia rosa 2018, in questo momento sulle spalle del britannico Simon Yates.

La Venaria Reale-Bardonecchia 

Il Giro torna a Venaria venerdì, 25 maggio 2018, dopo l'avvio del 2011, in occasione del 150esimo dell'Unità d'Italia. Quella volta era una cronometro a squadre. La Venaria-Bardonecchia, invece, è una tappa di alta montagna di 184 km con arrivo in salita. Dopo la passerella nella città della Reggia, la corsa viaggerà spedita verso il Colle del Lys, scalato da Viù, per poi discendere nella valle della Dora Riparia e portarsi a Susa per la scalata del Colle delle Finestre, Cima Coppi 2018.

Poi sarà la volta del Sestriere, altro gran premio della montagna, fino a Bardonecchia e alla salita finale dello Jafferau. 

La Susa-Cervinia

Il giorno dopo, sabato 26 maggio 2018, i 214 km della Susa-Cervinia potrebbero essere davvero decisivi per l'alta classifica. E' il "tappone alpino" per eccellenza, con quasi 4000 m di dislivello.

Da Susa si andrà il Canavese e poi verso Ivrea, prima di andare in Val d'Aosta, dove sono posti gli ultimi 90 km della tappa. Si scaleranno il Col Tsecore (16 km con lunghi tratti oltre il 12% negli ultimi 4 km), il Col de St.Pantaléon (16.5 km al 7.2%) e infine la salita di Cervinia di 19 km al 5%.

Rischio proteste

Sia la tappa di Venaria sia quella di Susa potrebbero vedere azioni di protesta da parte di attivisti pro Palestina, che contestano la partenza della corsa rosa ad inizio maggio da Israele. Con loro anche gli attivisti No Tav, che potrebbero sfruttare la eco dell'evento per ribadire, ancora una volta, il loro "no" alla tratta ad alta velocità Torino-Lione.

Interruzioni alla circolazione stradale

Venerdì 25 maggio, per il transito della diciannovesima tappa, saranno invece interessate dalle interruzioni temporanee della viabilità le statali 24 “del Monginevro”, 25 “del Moncenisio”, 335 e 335 dir “di Bardonecchia”. Le chiusure saranno effettuate sulla base dell’avanzamento della gara a partire dalle ore 11 e 30 circa. La competizione interesserà i comuni di Sant’Ambrogio di Torino, Chiusa San Michele, Vaie, Sant’Antonino di Susa e Villar Focchiardo lungo la statale 25.

Dopo il transito sulle strade provinciali sarà quindi interessata la statale 24, dove è previsto il passaggio a Cesana Torinese dalla rotatoria di innesto con la provinciale 23, attraverso località Mollieres fino a Oulx. Interessate quindi le statali 335 e 335 dir “di Bardonecchia”.

Infine, la competizione interesserà nuovamente le statali in data sabato 26 maggio, quando dal mattino è previsto il transito sulla statale 25 “del Moncenisio” a Susa, comune di partenza della tappa, Bussoleno, Chianocco, Bruzolo, San Didero e Borgone di Susa e la statale 26 “della Valle d’Aosta” nei territori comunali di Settimo Vittone e Carema, prima del proseguimento della gara in Valle d’Aosta.

Chiusa la provinciale 172 del colle delle Finestre 

A partire dalle 15 di giovedì 24 maggio la Strada Provinciale 172 del Colle delle Finestre è chiusa a tutti i veicoli a motore e alle biciclette da Meana di Susa al Pian dell’Alpe, sino al termine del passaggio della tappa del Giro d’Italia Venaria Reale-Bardonecchia Jafferau. Lo stabilisce  l’Ordinanza della Prefettura di Torino, che dettaglia gli orari di chiusura di tutti i tratti di strade statali, provinciali e comunali interessate al passaggio della tappa Venaria Reale-Bardonecchia Jafferau. Oggi e nelle prime ore di domani, venerdì 25 maggio, sono in programma le ultime operazioni di rullatura eseguite dai tecnici del Servizio Viabilità della Città Metropolitana di Torino per preparare il tratto di alta montagna della Provinciale 172 al passaggio dei corridori e dei veicoli di servizio e soccorso. I lavori di sgombero della neve sulla Strada Provinciale 172 si sono conclusi regolarmente nei giorni scorsi, nonostante sia stato necessario rimuovere ben dieci slavine cadute nel periodo invernale nel tratto sterrato che dal Colletto porta ai 2.178 metri del Colle, che sarà la Cima Coppi del Giro 2018. Il tratto di strada sterrata è stato preparato con la macchina “grader”, che è in sostanza una livellatrice del terreno. La Provinciale 172 sarà interamente riaperta come tutti gli anni nel periodo estivo, quando sussisteranno le condizioni per il transito di tutti gli autoveicoli. Le amministrazioni comunali di Meana e di Usseaux, sui cui territori insiste il tratto in alta quota della Provinciale 172, hanno previsto di delimitare e interdire al pubblico le zone in cui il manto nevoso è ancora presente con spessori elevati. Tali zone saranno presidiate dai militari del 3° Reggimento Alpini della Brigata Alpina Taurinense, per evitare l'assembramento del pubblico. 

Collegamenti potenziati tra Torino e Modane

Collegamenti diretti tra Torino e Modane venerdì 25 maggio in occasione della 19a tappa del Giro d’Italia tra Venaria Reale e Bardonecchia. Trenitalia ha programmato il potenziamento del servizio in collaborazione con la Regione Piemonte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento