rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
publisher partner

Torino diventa una smart city. Ecco come

Candidata a diventare un faro in Italia per l'innovazione, la città di Torino ha messo in piedi tutta una serie di iniziative per migliorare la vita dei cittadini

Da capitale dell'automobile a capitale dell'innovazione. È questa la sfida che la città di Torino ha abbracciato e che sta vedendo sempre più progetti ed investimenti diventare realtà. L'obiettivo? Diventare una smart city a tutti gli effetti, per trasformarsi in una città a misura d'uomo, sostenibile ed inclusiva. Un vero laboratorio a cielo aperto che si sta sviluppando grazie a progetti come Cte Next (Casa delle tecnologie emergenti) che prevede di realizzare in città un centro di trasferimento tecnologico diffuso sulle tecnologie emergenti in settori individuati come strategici per il territorio torinese: mobilità intelligente, industria 4.0 e servizi urbani innovativi. Il progetto inoltre andrà a integrarsi con Torino City Lab e sarà un ulteriore e fondamentale tassello nella visione di una Torino che possa davvero tornare a vedere nell’impresa e nella manifattura le sue principali leve di sviluppo. Non a caso Torino è seconda, dopo Trento, nel rapporto Smart City Index 2020 elaborato dal network mondiale di consulenza Ernst and Young, grazie alle soluzioni messe in campo per la sostenibilità delle infrastrutture urbane.

È in questo contesto che si inserisce il concetto di MaaS (Mobility as a Service), una nuova idea di mobilità che prevede l'integrazione di molteplici servizi di trasporto pubblico e privato, accessibili all’utente finale attraverso un unico canale digitale. Questi servizi operano attraverso piattaforme digitali di intermediazione che abilitano diverse funzionalità capaci di rispondere in modo personalizzato a tutte le esigenze di mobilità. Tra le città che stanno sperimentando questo nuovo concetto di mobilità, c'è sicuramente Milano, che si attesta come la prima città italiana per intensità di sharing mobility; ma anche Torino sta seguendo questo esempio.

La mobilità sostenibile a Torino, tutti i servizi attivi

Se da un lato crescono gli hub e le startup che hanno scelto Torino come centro di sviluppo, dall'altro la città offre già ai suoi cittadini numerosi servizi per la mobilità in condivisione. ToBike ad esempio è il servizio di bike sharing che permette agli abbonati di prelevare la bicicletta in una delle stazioni presenti in città e depositarla in una qualsiasi, purché con parcheggi liberi. Pensato per gli spostamenti brevi, è possibile usufruire del servizio tutti i giorni 24 ore su 24 evitando traffico e problemi di parcheggio. Non mancano poi i servizi di noleggio auto in condivisione a flusso libero, così come il noleggio scooter e monopattini elettrici, che ormai spopolano in molte altre città italiane.

Ma cos'hanno in comune molti di questi servizi? La possibilità da parte dell'utente di scegliere quale servizio utilizzare in base alla proprie esigenze tramite un'unica app. Il gruppo Telepass infatti, con l'app Telepass Pay, permette infatti agli utenti di scegliere il servizio più utile in quel momento attraverso il proprio smartphone. Si va dai parcheggi sulle strisce blu ai parcheggi convenzionati, alla possibilità di prenotare un taxi pagando comodamente la corsa direttamente con il telefono, o ancora all'opportunità di prenotare la pulizia dell'auto o della moto direttamente nel punto in cui è parcheggiata. In questo caso basta selezionare la fascia oraria per la pulizia del veicolo per tornare e trovare il proprio veicolo perfettamente pulito e igienizzato. Il servizio di lavaggio viene svolto interamente a mano dai washer professionisti di Wash Out (Gruppo Telepass), che possono raggiungere la macchina o la moto dove è parcheggiata, ma anche a casa: un servizio a domicilio, effettuato esclusivamente con prodotti ecologici che non producono scarti al suolo.

Da febbraio 2021 ha aperto in pieno centro, il nuovo Telepass Store di Torino, in Corso Vittorio Emanuele II. Il negozio - il secondo di questo tipo aperto da Telepass in Italia dopo quello inaugurato in centro città a Milano - garantisce una maggiore vicinanza e un più facile accesso, sia per i servizi di telepedaggio che per quelli via app, ai suoi clienti, che sono già oltre 350 mila nella provincia torinese e arrivano a quasi 700 mila nella Regione Piemonte.

È di pochi giorni fa l'annuncio dell'amministrazione cittadina della candidatura alla call europea "100 Climate-neutral Cities by 2030 – by and for the Citizens", con l'obiettivo di diventare una città climaticamente neutra entro il 2030. La call andrà a selezionare le 100 città europee che si impegneranno a diminuire significativamente le emissioni entro tale data, e che saranno di esempio per le altre città che dovranno raggiungere l'obiettivo entro il 2050. Un processo che potrebbe portare Torino a diventare una smart city a tutti gli effetti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

TorinoToday è in caricamento