lavoro

Aerospace a Torino, quali sono e quali saranno le figure maggiormente richieste

Sogni lo spazio? Vediamo insieme tutte le offerte di lavoro

L’uomo ha sempre sognato di andare nello spazio e per realizzare il suo sogno ha dovuto applicare tutto il suo ingegno. Leonardo da Vinci fu il primo genio a tentare di progettare una macchina volante, ma era decisamente in anticipo sui tempi. Ci vollero secoli interi perché si realizzassero le intuizioni che aveva avuto l’inventore, artista, scienziato italiano, grande vanto del nostro Umanesimo e del nostro Rinascimento.

Bisognerà attendere il 1782 per vedere in volo la prima mongolfiera e la metà del XX secolo per gli aerostati Zeppelin. Uno dei primi e dei più celebri aerei ad alzarsi da terra fu il Wright Flyer nel 1903. La Seconda Guerra Mondiale, con lo sviluppo tecnologico in ambito militare, ha portato alla realizzazione dei V2 nazisti, lanciatori suborbitali a corto raggio in grado di trasportare testate esplosive.

Soltanto nel XX secolo si giunse a quello sviluppo tecnologico che permise, nel 1969 di camminare sulla Luna. Da allora, da quando grazie alla televisione le immagini della conquista del nostro satellite sono giunte nelle case dell’uomo, un numero crescente di bambini e bambine sogna da grande di fare l’astronauta. Pochissimi ci riescono, ma per realizzare il sogno di esplorare lo spazio e per portare avanti quella sfida sono necessarie tantissime risorse e figure professionali.

Proprio quelle che servono anche all'ASI, l'Agenzia Spaziale Italiana che fin dalla sua nascita nel 1988, punto di arrivo di un percorso cominciato a inizio secolo, ha organizzato il suo lavoro e i suoi investimenti su cinque direttrici principali:

  • lo studio scientifico dell'Universo; 
  • l'osservazione della Terra da satellite;
  •  le telecomunicazioni; 
  • l'abitabilità nello spazio;
  •  lo sviluppo di mezzi per l'accesso allo spazio;
  •  la meteorologia.

Aerospace, nuove opportunità per Torino

L'industria aerospaziale (aerospace) si occupa della progettazione, produzione, commercializzazione e manutenzione di aeromobili (aeroplani, elicotteri, aeromobili a pilotaggio remoto, missili, razzi, veicoli spaziali,  sonde spaziali robotiche, veicoli con equipaggio come le stazioni spaziali e satelliti artificiali ecc).

Proprio a metà ottobre l'industria spaziale italiana e la nostra città hanno vissuto una giornata storica. L’Esa si è aggiudicata una serie di contratti milionari per l’esplorazione umana nello spazio.

Thales Alenia Space avrà un ruolo centrale nella prossima decade quando i temi spaziali dominanti saranno la conquista del Pianeta Marte e il ritorno dell’uomo sulla Luna.

Torino avrà un ruolo industriale fondamentale per la parte italiana di questa cooperazione internazionale guidata dalla NASA. Per la Luna, grazie all’esperienza acquisita con la stazione spaziale internazionale, fornirà i moduli pressurizzati (I-HAB: International Habitat) dove a partire dal 2024 verranno ospitati gli astronauti: il contratto ha un valore complessivo di 327 mln di Euro. Per l’I-HAB il sito di Torino è prime contractor per il progetto.

Per Marte, dopo aver guidato le missioni Exomars (2016 – 2022), Thales Alenia Space realizzerà la sonda che, entro il 2031, riporterà sulla Terra per la prima volta nella storia, i campioni del suolo marziano. Il valore complessivo di questo ulteriore contratto ammonta a 130 milioni.

Si tratta di un successo italiano con importanti prospettive occupazionali, nei settori più tradizionali (figure come il metodista aeronautico, il senior engineer, il progettista dei sistemi di controllo, il disegnatore aeronautico) del settore aerospace e in quelli più innovativi (legati alla ricerca sui nuovi materiali e alla digitalizzazione e alla green economy) e ritorni economici che confermano il Piemonte come punto di riferimento in questo settore industriale.

Aerospace, la formazione

Un risultato che può essere una grandissima opportunità anche per un'altra eccellenza del nostro territorio,  il Politecnico di Torino che ogni anno forma ingegneri aerospaziali desiderosi di applicare le loro conoscenze.

Visto che i moderni aeromobili sono sempre più complessi, gli ingegneri hanno tante opportunità lavorative quante la loro formazione che è davvero multidisciplinare. Un ingegnere aerospaziale deve essere in grado di tener conto dei vari fenomeni di natura aerodinamica, strutturale, termica, elettromagnetica e meccanica. L'elettronica e l'utilizzo del computer nel suo lavoro sono ormai fondamentali.

La digitalizzazione e le tematiche green, legati ad esempio alla riduzione dell'impatto ambientale, sono i temi su cui si gioca il nostro futuro. Sono destinati a diventare sempre più importanti anche nel settore aerospace, trasformando gli ambiti di ricerca in opportunità di lavoro per profili adeguatamente qualificati.

Scopri tutte offerte di lavoro come ingegnere

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TorinoToday è in caricamento