lavoro

Come si diventa product manager: requisiti, formazione, sbocchi lavorativi

Uno dei mestieri più importanti e affascinanti all’interno di un’azienda. Di cosa si occupa e qual è la formazione necessaria

Freepik License/phc.vector

Il product manager è il responsabile di un prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita dal lancio sul mercato fino all'uscita dalla produzione. Il suo compito principale è definire gli obiettivi commerciali relativi ad un prodotto (vendite, quote di mercato, fatturato) e le strategie di marketing più efficaci per raggiungerli. Si tratta, quindi, di una figura professionale per la quale ci sono molte offerte di lavoro in tantissimi settori: dal food&beverage, all’elettronica, alla telefonia, al settore farmaceutico, alla moda, giusto per citarne alcuni.

Qui di seguito vedremo, più nel dettaglio, di cosa si occupa il product manager e quali sono i percorsi di studio più indicati per arrivare ad avere il Cv più adatto per conquistare una delle posizioni più desiderate e strategiche all'interno dell'organizzazione aziendale.

Chi è e di che cosa si occupa il product manager

Il product manager ha molteplici funzioni e responsabilità. Si occupa di presentare nuovi prodotti innovativi da lanciare sul mercato o di ridefinire il mercato di prodotti già esistenti che hanno un mercato ormai saturo o che non hanno raggiunto il successo immaginato.

Il product manager segue il prodotto in tutto il suo ciclo di vita: è presente quando nasce e gli viene assegnato un nome (brand naming), quando si decide come deve essere presentato e confezionato (packaging), quando si decide quanto costa (pricing) e dove deve essere collocato sul mercato (positioning).

Il successo finale del prodotto dipende in buona parte dalla visione del product manager che ha anche la responsabilità di coordinamento delle varie realtà aziendali coinvolte nei vari processi di product management: dalla progettazione, alla produzione, alla promozione, alla vendita del prodotto.

Per questo si relaziona con figure professionali molto diverse dagli industrial designer, agli ingegneri, agli sviluppatori del prodotto, fino ai grafico-pubblicitari e ai venditori.

Il suo obiettivo è uno solo: fare in modo che il prodotto della sua azienda, unico per caratteristiche e funzionalità, di distingua sul mercato riuscendo a conquistare il cliente.

Product manager, che cosa fa

Un grande studioso di scienze gestionali, il canadese Henry Mintzberg, per rendere l’idea dei numerosi e importantissimi compiti che spettano al product manager, lo definì mini-direttore generale.

Ecco, in sintesi, le funzioni più importanti del product manager:

  • monitora il mercato per trovare nuove opportunità commerciali;
  • controlla il budget;
  • scrive il piano marketing;
  • analizza le azioni della concorrenza;
  • propone perfezionamenti al prodotto;
  • gestisce il lancio di nuovi prodotti;
  • decide la strategia di comunicazione;
  • motiva i venditori.

I requisiti per diventare product manager

Un product manager, avendo la grande responsabilità che abbiamo visto, derivante dalla gestione del ciclo vita del prodotto, deve possedere le capacità relazionali tipiche di un manager commerciale di successo, abbinate a competenze tecniche e specialistiche. Deve sapere tutto sul posizionamento e sulla promozione del prodotto, ma deve avere anche altre doti. Vediamole insieme.

Un Product manager deve avere:

  • conoscenze di gestione aziendale, comunicazione e marketing;
  • capacità di elaborare strategie per raggiungere gli obiettivi fissati;
  • capacità di pianificazione e doti analitiche;
  • una approfondita conoscenza del mercato;
  • un’approfondita conoscenza dei prodotti di cui si occupa;
  • un’approfondita conoscenza del consumatore;
  • grandi doti di pianificazione e di analisi;
  • ottima dialettica e capacità relazionali;
  • capacità di gestione simultanea di più compiti;
  • orientamento ai risultati.

Qual è la formazione necessaria per diventare product manager

Il product manager deve quindi possedere conoscenze tipiche e specialistiche che si costruiscono attraverso anni di formazione e che richiedono costante aggiornamento. Non c'è un percorso di studi specifico per la formazione di questa figura professionale. I ragazzi possono cominciare a studiare economia aziendale e marketing iscrivendosi agli istituti tecnici economici.

Viste le competenze richieste da questo ruolo, però, possono rappresentare un ottimo investimento, a seconda delle attitudini personali, sia i corsi di laurea triennali e magistrali della Facoltà di Economia, sia i corsi di laurea triennali e magistrali della Scuola di Management ed Economia che i corsi in Scienze della Comunicazione con un piano esami ad indirizzo economico. Le lauree magistrali potranno essere approfondite nei percorsi magistrali e/o da master in Product and Process Management.  

Ecco tutte le posizioni aperte per questa figura a Torino

fonte foto: Freepik License/phc.vector

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TorinoToday è in caricamento