Giovedì, 28 Ottobre 2021
Earth Day Italia

Free duck, anche la posta diventa…sostenibile!

È stata presentata ieri mattina all'assessore all'ambiente Enzo Lavolta dalla responsabile dell'Area Logistica Territoriale Nord Ovest di Poste Italiane, Alessandra Moitre la nuova flotta di Free Duck, i quadricicli leggeri elettrici che verranno adottati dai portalettere del capoluogo piemontese per la consegna della corrispondenza

Torino prosegue dritto sulla strada della mobilità sostenibile dimostrando di essere sempre più un faro per tutte le altre città dello Stivale. È stata presentata ieri mattina all’assessore all’ambiente Enzo Lavolta dalla responsabile dell’Area Logistica Territoriale Nord Ovest di Poste Italiane, Alessandra Moitre la nuova flotta di Free Duck, i quadricicli leggeri elettrici che verranno adottati dai portalettere del capoluogo piemontese per la consegna della corrispondenza dal prossimo 4 novembre. Si tratta ovviamente di una flotta che andrà ad incrementare quella già esistente: a Torino sono, infatti, già presenti oltre una sessantina di Free Duck.
 

Come si legge nella nota del comune, «il Free Duck può ospitare a bordo due persone, dispone di un motore elettrico per la trazione affiancato da un altro endotermico, di piccola cilindrata, che funge esclusivamente da generatore per ricaricare le batterie. Il mezzo, in linea con le indicazioni europee in fatto di abbattimento dei costi energetici, si inserisce nel più ampio programma “Green Post”, coordinato da Poste Italiane e finanziato dall’Ue, nel quadro del progetto “Intelligent Energy for Europe” (IEE) che ha consentito di creare una flotta di mezzi elettrici giunta oggi ad oltre mille unità a livello nazionale».
 

Ma per ridurre l’altissimo livello di inquinamento che caratterizza questa città, sono giù utilizzati dai postini nel centro urbano 41 biciclette e 6 veicoli alimentati a metano. La progressiva introduzione di mezzi ecocompatibili, si legge nella nota, ha consentito nel corso dell’anno di abbattere di oltre 11,3 tonnellate le emissioni di Co2 dei mezzi impegnati nel recapito della corrispondenza nelle vie del centro della città. Un ottimo risultato per il capoluogo piemontese che detiene il triste primato di città più inquinata d’Italia e che dimostra l’impegno delle istituzioni locali nel proseguire la via delle politiche più sostenibili.
 

«L’impegno di Poste Italiane – ha dichiarato la responsabile ALT di Poste Italiane, Alessandra Moitre nel corso della presentazione -va nella direzione di contribuire al miglioramento della qualità della vita, assumendo un comportamento socialmente responsabile, in grado di aggiungere valore all’offerta migliorando il mix qualitativo della flotta di mezzi aziendali per il recapito con l’introduzione di modelli che applicano a bordo le soluzioni più innovative in materia di sicurezza, riduzione dei consumi e contenimento delle emissioni».
 

Molto soddisfatto anche l’assessore all’Innovazione e all’Ambiente della Città di Torino e Presidente della Fondazione Torino Smart City Enzo Lavolta che afferma: «L’azione di rinnovamento dei mezzi di Poste Italiane apporta un contributo alla riduzione delle emissioni, a favore dei cittadini e dell’ambiente urbano. Questa azione di ‘trasporto pulito’, insieme ai servizi telematici a domicilio si inseriscono a pieno titolo nel processo Smart City, portando un contributo concreto e tangibile al processo di rinnovamento».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Free duck, anche la posta diventa…sostenibile!

TorinoToday è in caricamento