social

Il Treno della Dolce Vita farà tappa a Alba: turismo-slow tra menù stellati e massimo lusso

Da gennaio 2023

C'è anche Alba, eccellenza del Piemonte, tra le destinazioni del ‘treno della Dolce Vita’, il primo progetto di turismo su rotaia dedicato all’offerta luxury. Il nome è un tributo all’Italia, alla forza che il nostro Paese dimostrò riuscendo a rinascere nel Dopoguerra. Ora per la rinascita post-Covid si punta su turismo lento e sulla fortissima capacità di attrazione esercitata dal territorio italiano che vanta mari, laghi, colline, montagne, borghi e località storiche, città d'arte, offerte enogastronomiche uniche e un clima mite come quello mediterraneo.

Le proposte di Arsenale S.p.a., società attiva nell’hospitality di lusso e di Trenitalia, nascono dalla consapevolezza delle meraviglie che ha da offrire il nostro Paese. Ha in sé una grande fiducia nella ripartenza post-Covid con la convinzione che quando la situazione sanitaria globale si stabilizzerà, il settore del lusso fungerà da traino per la ripresa del turismo nazionale.

Grazie a tratte riservate da Nord a Sud, i viaggiatori raggiungeranno sia le aree turistiche più conosciute, sia quelle logisticamente meno servite o frequentate. Tutto godendo del massimo comfort e secondo i più alti standard a cinque stelle. Non solo città d’arte, ma anche il fascino dei piccoli paesini immutato nel tempo. Gli ingredienti sono romanticismo, avventura e relax per un unico viaggio alla scoperta delle meraviglie dell’Italia.I percorsi, racchiusi in itinerari personalizzati, sono di 1, 2 o 3 notti con tratte riservate e servizi di terra in location esclusive. Il Treno della Dolce Vita, entro il 2026, percorrerà diversi itinerari ferroviari attraverso 14 regioni e oltre 128 città italiane.

Da gennaio 2023 si inizierà con 5 treni e 10 tratte iconiche già pronte. Città d’arte, località paesaggistiche, luoghi simbolo di un territorio unico al mondo. Venezia, Alba, Maratea, Montalcino, la Val D’Orcia, Cortina, la Sicilia. Un turismo lento da Nord a Sud, ecosostenibile, con a bordo servizi esclusivi, per far riscoprire a bordo dei treni che hanno fatto la storia del nostro Paese, tutto il fascino del nostro Paese, attraversando anche strade dimenticate. Il treno potrà ospitare fino a 64 passeggeri: saranno 20 le suite e 12 le cabine deluxe per un totale di 32 cabine per treno. 

Il Treno della Dolce vita: l'itinerario in Piemonte

L'itinerario denominato "Il treno del tartufo e del vino" coinvolge la nostra Regione e la città di Alba. Si parte da Milano Centrale a Novara. Da qui si potrà scegliere se andare a Biella e poi a Santhià oppure se da Novara raggiungere direttamente la stazione di Torino. Si passerà per i rinomati luoghi del Monferrato: Canelli, con visita alle cattedrali sotterranee facenti capo alle storiche case vinicole, Asti, famosa per l’omonimo vino spumante, Castagnole della Lanze e le “vie del Barbaresco”, Alba, dove verranno proposti degli assaggi del conosciuto tartufo, Bra, città del formaggio e delle architetture barocche e Cavallermaggiore. Dopo questo excursus, attraverso la Ferrovia delle Meraviglie, si passerà per Cuneo, Ventimiglia e Nizza. Al ritorno si percorrerà la riviera ligure fino a Portofino con rientro a Milano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Treno della Dolce Vita farà tappa a Alba: turismo-slow tra menù stellati e massimo lusso

TorinoToday è in caricamento