Torino candidata ad ospitare l’assemblea generale dei pride europei

Prima candidatura per una città italiana

Il 1° agosto, a seguito di un lavoro di preparazione durato mesi, il Coordinamento Torino Pride ha inviato la propria candidatura ad ospitare, nel 2021, l’Assemblea Generale di EPOA (European Pride Organisers Association). Si tratta della più grande assemblea annuale del network internazionale che riunisce le principali realtà europee nel campo dell’organizzazione di pride e che organizza gli EUROPRIDE. EPOA è stata fondata nel 1991 a Londra su iniziativa degli organizzatori dei pride di Amsterdam, Berlino e Londra e, da quell’anno, è cresciuta costantemente fino a raccogliere le adesioni di oltre 90 organizzazioni attive in più di 30 paesi UE. Dal 1991 ad oggi, la conferenza annuale di EPOA (AGM, annual general meeting) è stata organizzata nelle più importanti città e capitali europee.

Questa candidatura è stata possibile grazie al lavoro di rete e alle relazioni nazionali ed internazionali che il Torino Pride ha costruito in anni di attività.

Torino Pride, una candidatura sostenuta da tutta Italia

Non si tratta della sola candidatura di Torino ma di tutta Italia. Infatti, i più importanti pride italiani – fra cui anche Milano e Roma – hanno aderito e hanno deciso di supportare Torino in questa difficile competizione che vede il capoluogo subalpino in lizza con Lisbona.

Il Torino Pride, che può contare in quest’impresa sul supporto delle Istituzioni del territorio, è quantomai entusiasta. “Questa competizione avrà una città vincitrice ma, mai come in questo caso, la vittoria sarà di tutti e tutte perché tutte le organizzazioni pride europee fanno un lavoro, a volte poco visibile ma costante e prezioso per l’ottenimento di diritti paritari per le persone LGBTQI. Abbiamo il dovere di impegnarci nei nostri territori ma anche quello di guardare fuori dai nostri confini perché ci sono comunità LGBTQI che vivono momenti drammatici nei propri Paesi” commentano Giziana Vetrano coordinatrice del Torino Pride e Alessandro Battaglia che ha coordinato la candidatura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nel 2021 il Torino Pride compirà 15 anni e l’impegno di questi anni ha portato grandi risultati non solo a Torino ma in tutta la Regine Piemonte riuscendo ad attivare, attraverso la piattaforma del Piemonte Pride, ben altri 5 Pride. Ci auguriamo di poter festeggiare questo compleanno ospitando l’Assemblea Generale di EPOA ma anche se questo non dovesse avvenire porteremo a Lisbona tutta la nostra competenza e favolosità” concludono Vetrano e Battaglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento