rotate-mobile
social

Bilancio di un anno: “I soma sì”

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

Si pronuncia “suma si” e si traduce semplicemente in “siamo qui”, ma cosa si intende dire? A fine anno è tempo di bilanci, ognuno fa il suo, fra sé e sé o ad alta voce, se interpellato. Alla domanda “Com’è?”, “Coma l’è?” (Cuma le) la risposta sarà “I soma sì”. E’ una risposta tipica del dialetto piemontese che calza a pennello anche in questa occasione.

Dietro c’è tutto quello che è successo, e ne sono successe di cose in questo 2019, nel bene e nel male. Quello che poteva andare meglio e quello che poteva andare peggio. Le cose fatte e quelle rimaste da fare. Gli obiettivi raggiunti e quelli mancati. La fortuna e la sfortuna. La buona e la cattiva sorte.

Sintetica come frase “I soma sì”. Più che il riassunto, è’ l’essenziale, per certi versi, la morale. Come dire, però, ….intanto, ….“soma sì”, pronti a ripartire per un nuovo anno!

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio di un anno: “I soma sì”

TorinoToday è in caricamento