rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
social

Spray al peperoncino, come funziona e dove si può acquistare

La legislazione italiana e quella in altri Paesi

Lo spray al peperoncino è un’arma di difesa, considerata particolarmente adatta per proteggere le donne, dalle aggressioni di cui spesso sono vittima. Sostanzialmente si tratta di una bomboletta, abbastanza piccola da poter stare in una borsetta, che contiene una miscela urticante da spruzzare, da una distanza ravvicinata, meno di un metro, contro il volto dell’aggressore, per contrastare il suo attacco. 
Produce una forte infiammazione sulle parti colpite, in particolare occhi e bocca, con conseguente tosse, lacrimazione e bruciore. In questo modo mette fuori gioco il malintenzionato, almeno per un po’. Non provoca conseguenze gravi in chi ne è colpito, basta lavarsi con dell’acqua fresca per risolvere in poco tempo ogni sintomo. 
Solo in soggetti già affetti da problemi all’apparato respiratorio possono verificarsi conseguenze più gravi.
Chiaramente non deve essere considerato come un mezzo in grado di proteggere da ogni pericolo. Per essere efficace lo spray al peperoncino deve essere utilizzato solo quando aggredito e aggressore sono molto vicini: bisogna essere veloci e decisi.

Come è regolata la materia e dove si compra 

Il successo raggiunto dagli spray al peperoncino ha portato alla generalizzazione dei punti vendita. Oltre che su internet, le bombolette possono essere acquistate ad un prezzo relativamente contenuto (da 10 a 30 euro) ,un po’ dappertutto: farmacie, armerie, supermercati, tabaccai e ferramenta.  
Il prodotto deve corrispondere alle caratteristiche tecniche indicate  dal decreto ministeriale n.103 del 12 maggio 2011 sulle sostanze utilizzabili, sulla concentrazione, sulla quantità (piccole dosi, massimo 20 ml.) , sulla gittata (non superiore a 3 metri). 
Ne viene poi proibita la vendita solo ai minori di 16 anni di età.

La regolamentazione della vendita negli altri Paesi

La regolamentazione è molto varia da Paese a Paese.

In alcuni stati le norme sull’uso degli spray al peperoncino sono molto restrittive. Queste bombolette sono considerate vere e proprie armi e come tali trattate. O sono del tutto vietate o per l’acquisto è necessario il porto d’armi. Appartengono a questa categoria Paesi come la Finlandia, il Belgio e Hong Kong.

In altri Paesi le norme sono meno restrittive. In Germania per l’acquisto basta avere 14 anni. Negli Stati Uniti bisogna avere 18 anni ma la gittata arriva a 8 metri. Per la legislazione italiana, basta avere 16 anni. 

L’uso improprio dello spray al peperoncino

Lo spray al peperoncino non è un giocattolo. Purtroppo accanto a situazioni in cui lo spray è stato efficacemente utilizzato come arma di difesa, la cronaca ci ha segnalato diverse situazioni in cui è stato utilizzato per “scherzo” o per curiosità (chissà che effetto farà). 
Ben più grave è quando è stato utilizzato per scatenare il panico e poter così comodamente rapinare contemporaneamente molte persone, come nella tragica notte della finale di Champions League in Piazza San Carlo, o nella tragedia di Corinaldo, provocando il ferimento e anche la morte di persone travolte nel fuggi fuggi generale. Vanno per questo inasprite le sanzioni per uso improprio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spray al peperoncino, come funziona e dove si può acquistare

TorinoToday è in caricamento