Smart working, le 5 regole per lavorare (bene) da casa

Senza distrazioni

immagine di repertorio

Il lavoro agile, o smart working, fino a pochissimo tempo fa era un'eccezione, riservata a pochi professionisti che lavoravano da remoto. I sociologi, però, fin dagli anni '90, avevano previsto e sperato nel lavoro a distanza. Ma il telelavoro aveva sempre trovato delle resistenze all'interno della cultura  aziendale di numerose realtà del nostro Paese. Il Coronavirus ci ha costretto a fare di necessità virtù. Così quello che non si è fatto in decenni, si è dovuto fare in pochi giorni. Mostrando in numerosissimi casi, pensiamo ad esempio agli insegnanti, lontani fisicamente ma vicini alla propria scuola, la grande resilienza e capacità di adattamento delle persone.

Tante categorie di lavoratori si stanno impegnando al meglio per dare il massimo anche da casa propria. Per lavorare in smart-working ed essere produttivi, è necessario seguire delle regole.

La società di consulenza Methodos ne suggerisce alcune che possono essere particolarmente utili a tutti i professionisti che lavorano e lavoreranno da remoto: vediamole insieme.

1) Smart working: stabilire chiaramente gli orari

Anche chi lavora da casa deve indicare (in primo luogo a se stesso) i momenti di inizio e fine lavoro. Deve poi cercare il più possibile di essere allineato ai propri colleghi ed ai collaboratori, comunicando la propria disponibilità.

2) Smart working: vestirsi bene

Il pigiama non è un abito da lavoro. Vestirsi bene aiuta il lavoratore ad assumere il suo ruolo, con un netto miglioramento della concentrazione e della produttività.

3) Smart working: fare delle pause

Sul posto di lavoro si fanno delle pause. Anche in smart working camminare lontano dal pc e/o prepararsi un caffè può aiutare a liberare la mente e ad avere una maggiore attenzione una volta ripreso il proprio posto alla scrivania.

4) Smart working: organizzare gli spazi

Se vogliamo avere una buona produttività, dobbiamo seguire un ordine mentale preciso. Proprio per questo dobbiamo essere bravi a creare e poi ad organizzare in casa nostra il nostro spazio di lavoro. Periodicamente dobbiamo ad esempio:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  •  sistemare la scrivania;
  •  archiviare i file digitali;
  • sistemare i documenti in apposite cartelle.

5) Smart working: evitiamo le distrazioni

Facciamo attenzione evitando il più possibile l'uso dei social e dei nostri dispositivi personali, durante l'orario di lavoro. Cerchiamo di prevenire tutte le possibili distrazioni silenziando o bloccando alcune app, utilizzando anche alcuni tool che ne limitano l'utilizzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento