rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
social

Simona Ventura assolta dall'accusa di evasione fiscale

L'incubo era iniziato tre anni e mezzo fa

È arrivata l'assoluzione per Simona Ventura accusata di evasione fiscale. La soubrette torinese, al processo, era imputata di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici all'erario, per contributi pari a circa 500 mila euro tra il 2012 e il 2015. Il pm Silvia Bonardi aveva chiesto una condanna a un anno e quattro mesi, ma ad oggi, il giudice della seconda sezione penale del Tribunale di Milano ha emesso la sentenza: "il fatto non sussiste".

Dopo tre anni e mezzo di sofferenza si chiude quindi, per la Ventura: un vero e proprio incubo per la showgirl e conduttrice televisiva, "già torturata sotto l'aspetto tributario" ha commentato il difensore della conduttrice, l'avvocato Jacopo Pensa. 

Il lungo sfogo sui social 

"Oggi è finito un incubo lungo tre anni e mezzo". Inizia così il lungo post  sui social in cui Simona Ventura tira fuori quanto vissuto in questo periodo: "Essere accusata di 'elusione fiscale' di 'frode', è stato duro da sentire e da incassare, anche perché, se ho una colpa, è stata quella di fidarmi totalmente delle persone che non lo meritavano affidando loro la mia vita".

Screenshot_20211112_102002-2

La conduttrice ci tiene a sottolineare alcuni punti: "Ora che tutto è dietro le spalle, vorrei fare delle precisazioni - continua - a) Ho sempre nutrito profonda fiducia nel sistema giudiziario italiano, fatto di tre gradi di giudizio, che permettono ad una persona di difendersi. b) Non ho mai commesso nessun reato. c) Il fango che, in fase preliminare, mi è arrivato addosso dal mondo dei social e dei blog, mi ha ferito nel profondo. Le accuse che arrivano dai famosi e celeberrimi 'leoni da tastiera' fanno male, soprattutto a chi (come me) sa di essere innocente. d) Quando uno è indagato scatta immediatamente la presunzione di colpevolezza mentre quella di innocenza non viene mai considerata".

Simona Ventura ringrazia i suoi avvocati, gli amici che le sono stati vicino e il compagno, Giovanni Terzi, "sempre di più la mia quercia". E conclude: "'Male non fare paura non avere' diceva mia nonna, anche se, al giorno d'oggi la calunnia, più che un venticello è un uragano. Grazie anche a voi, che mi state sempre vicino. Noi, insieme, urlando nel cielo: crederci sempre arrendersi mai".

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Simona Ventura assolta dall'accusa di evasione fiscale

TorinoToday è in caricamento