← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Corso Vercelli, orti urbani trasformati in baraccopoli

Corso Vercelli altezza Stura · Torino

Gli orti urbani presenti in Corso Vercelli, in corrispondenza della Stura, sono diventati una baraccopoli. A denunciare lo stato di degrado in cui versano è un lettore che così commenta ciò che ha visto e che ha immortalato negli scatti a seguire: "Io sinceramente non capisco come si possa lasciare degradare tale zona, distante pochi metri dai campi nomadi di via Germagnano e da quello di via Lega".

Il lettore invita a leggere il regolamento degli orti urbani di Torino e, in particolare, sottolinea come le norme vietino che simili situazioni accadano. "Se l'area risulterà incolta, abbandonata, sporca o distolta dal fine per cui fu assegnata - si legge all'articolo 6 del regolamento - la Commissione di Controllo potrà proporre all'Amministrazione, con parere scritto motivato, la revoca dell'assegnazione".

"E' fatto divieto alla costruzione abusiva di capanni e similari. In accordo con la Commissione di Controllo, è consentita la posa di coperture in plastica (di misura max di metri 2 x 5), ad uso serra, nella misura in cui non diano origine a strutture stabili ed indecorose", continua il regolamento.

E' vietato inoltre: scaricare materiali anche se non inquinanti; tenere nell'orto depositi di materiali non attinenti alla coltivazione dello stesso (legnami, inerti, ecc.); effettuare allacciamenti alla rete elettrica ed idrica non autorizzati dal Comune; accendere fuochi di qualsiasi genere, pertanto è vietato bruciare stoppie e rifiuti; superare l'altezza di 180 centimetri con eventuali paletti di sostegno delle coltivazioni, onde evitare ombreggiature verso i vicini; occultare la vista dell'orto con teli, steccati o siepi.

L'assegnatario dovrà rispettare i seguenti obblighi: tenere pulite ed in buono stato di manutenzione le parti comuni, gli arredi, i viottoli e fossetti di scolo; pulire, ogni qualvolta si renda necessario, rimuovendo dal proprio orto eventuali arbusti e/o erbacce; fare buon uso del sistema di irrigazione tenendo presente che nei mesi da aprile ad ottobre questo verrà limitato fino alle ore 9,00 del mattino e dopo le 18,00 della sera; effettuare, all'inizio di ogni periodo di assegnazione, la verniciatura protettiva dei cordoli in legno e del capanno degli attrezzi; i residui vegetali dovranno essere depositati in apposite compostiere od interrati nel proprio orto; non devono creare problemi di alcun genere (odori, degrado, incuria) sul contesto urbano o verso gli altri orti.

"Nell'insediamento che segnalo - scrive Zann - sono presenti innumerevoli baracche in cui la gente vive (ne sia prova il fumo che esce dai comignoli), e infinite cataste di immondizia e materiali di risulta. Credetemi se vi dico che non esiste nemmeno un singolo orto in quel terreno, come potete facilmente constatare dalle fotografie che ho linkato. Già un anno fa segnali questo degrado che peggiora di giorno in giorno, e nulla si fece, provocando così un progressivo peggioramento della condizione che ormai corrisponde a una vera propria baraccopoli abusiva. L'ennesima nell'arco di poche centinaia di metri". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Comunque più che orti urbani danno l'impressione di un enorme deposito di pattume abbandonato. Se poi a qualcuno venisse in mente di dargli fuoco, potremmo tranquilllamente fare il paio con quella nota terra situata in Campania!

  • Come da manuale! La strada dell'inferno è lastricata di buone intenzioni...poi, se nessuno controlla...!

  • Questo messaggio si rivolge ai privati, ai poveri, o a tutti coloro che sono nella necessità di un prestito particolare per ricostruire la loro vita. siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma siete vietato bancario o la vostra cartella ad estate respinta alla banca. Sono un privato io assegno prestiti che vanno di 1.000€ a 5.000 000€ ad ogni persona capace di rispettare le condizioni .per più di info: tami.luca1@gmail.com

  • Periferie abbandonate vedremo Fassino solo prima delle votazioni a fare campagna elettorale.

Segnalazioni popolari

Torna su
TorinoToday è in caricamento