rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
social Aurora / Piazza della Repubblica, 25

La nuova avventura di Davide Scabin: lo chef stellato riparte dal Mercato Centrale di Torino

Domani, 15 giugno, l'inaugurazione

È Davide Scabin la grande novità della nuova edizione del Mercato Centrale di Torino. Il grande chef rivolese, classe 1965, che vanta nel suo curriculum 2 stelle Michelin, 2 Forchette del Gambero Rosso e 3 Cappelli de L’Espresso, riparte dopo la chiusura definitiva di Combal.Zero, il suo locale che si trovava all’interno del castello di Rivoli. Lì erano nati i suoi grandi successi, lì aveva conquistato le due stelle Michelin e ne aveva poi anche persa una, nel 2015, scatenando una sollevazione della critica enogastronomica in suo favore contro una decisione di cui non si capiva il senso.

Mercato_Centrale_Torino-2

‘Quanto Basta’: il nuovo locale di Scabin

Davide Scabin inaugura una nuova avventura che porta nel nome l’essenza della sua cucina: Scabin QB (Quanto Basta). Il termine, che solitamente si utilizza per definire la quantità di un ingrediente da aggiungere al necessario, a proprio piacimento, per lo chef torinese diventa lo strumento di misura per i suoi piatti. Nella cucina di Scabin QB non esistono menu fisso né ricette predefinite, perché è lo chef stesso a decidere cosa preparare in base alle materie prime disponibili e all’ispirazione del momento.

Da Scabin QB ci si affida allo chef, alla sua esperienza che diventa garanzia di qualità e cura nella preparazione, in grado di rendere eccezionali anche gli ingredienti più semplici. Ispirata alla cucina delle nonne - abituate a ricreare piatti sempre nuovi e mai noiosi con quello che c’era a disposizione - ma con i piedi piantati nel presente, la cucina di Scabin QB propone piatti della tradizione piemontese e non solo a prezzi democratici.

Scabin QB: l’inaugurazione

Scabin QB inaugura il 15 giugno con il servizio serale (attivo tutti i giorni dal martedì al sabato) sulla suggestiva terrazza al secondo piano, con affaccio su una delle più belle piazze di Torino: si inizia alle 17 con l’aperitivo, che alle 20.00 lascia il posto alla cena. La formula è originale quanto provocatoria, pensata per garantire l’eccellenza della materia prima e limitare gli sprechi. L’aperitivo, che proprio nel capoluogo piemontese ha raggiunto la sua massima espressione, al QB si traduce in brochette (spiedini simili agli arrosticini) cotte a vista da Scabin sui Big Green Egg e accompagnate da drink rigorosamente in caraffa per quattro persone. La cena è sempre legata a un tema, che cambia di settimana in settimana: si sviluppa da una portata fissa, obbligatoria, alla quale abbinarne altre tre (una per ogni tipologia: un primo, un secondo, un contorno e un dolce).

Obbligatoria è anche la prenotazione, gestita direttamente da Scabin tramite una lista broadcast a cui bisogna accedere per conoscere tutti i dettagli operativi (menu del giorno, proposte speciali, prezzi) e prenotare il proprio posto in terrazza. Dal 29 giugno Scabin QB si sposta anche al piano terra e apre a pranzo, dove sarà possibile scegliere tra i piatti del giorno (anche in monoporzioni), da prendere e portare al tavolo. Il servizio del pranzo è attivo dal martedì alla domenica, è fortemente consigliata la prenotazione: fedele alla filosofia del “quanto basta”, anche per il pranzo lo chef si lascerà ispirare dalle materie prime disponibili e organizzerà le dosi in base al numero dei posti a sedere dedicati al QB.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova avventura di Davide Scabin: lo chef stellato riparte dal Mercato Centrale di Torino

TorinoToday è in caricamento