social

Stanno per arrivare in Italia i primi treni a idrogeno: saranno un orgoglio piemontese

Come saranno

La Alstom fornirà i primi treni a idrogeno in Italia. Il consiglio di amministrazione di FNM (Ferrovie Nord Milano), il principale gruppo lombardo di trasporto pubblico, ha approvato investimenti nel trasporto green per un importo di circa 160 milioni di euro. Alstom fornirà 6 treni a celle a combustibile a idrogeno, con opzione per ulteriori otto. La prima consegna dei treni è prevista entro 36 mesi dalla data dell'ordine. Saranno in funzione sulla tratta Brescia-Iseo-Edolo, in sostituzione degli attuali a motore diesel, che sono in servizio dai primi anni '90. Attraverso questi treni FNM  e Trenord promuoveranno nel Sebino e in Valcamonica la prima "Hydrogen Valley", italiana. 

Come saranno i nuovi treni a idrogeno

I nuovi treni a idrogeno (video) saranno basati sul modello ferroviario regionale Coradia Stream di Alstom, dedicato al mercato europeo e già prodotto per l'Italia dai principali siti italiani di Alstom. La versione alimentata ad idrogeno, Coradia Stream per FNM, sarà equipaggiata con la stessa tecnologia di propulsione a celle a combustibile introdotta nel mondo dal Coradia iLint. Il Coradia Stream a idrogeno manterrà gli elevati standard di comfort già apprezzati dai passeggeri nella sua versione elettrica. La versione a idrogeno, inoltre, garantirà le medesime prestazioni operative dei treni diesel, compresa l’autonomia.

Lo stabilimento di Savigliano

 Il Coradia iLint è il primo treno passeggeri al mondo alimentato da una cella a combustibile a idrogeno, che produce energia elettrica per la trazione. Questo treno a zero emissioni produce un basso livello di rumorosità, in quanto lo scarico è costituito da solo vapore e acqua condensata. ILint, è speciale per la sua combinazione di diversi elementi innovativi: conversione di energia pulita, stoccaggio flessibile dell'energia nelle batterie e gestione intelligente della potenza di trazione e dell’energia disponibile. Progettato specificamente per il funzionamento su linee non elettrificate, permette una circolazione del treno sostenibile, garantendo al tempo stesso alti livelli di prestazione.

I treni Coradia Stream per FNM sono prodotti da Alstom in Italia. Lo sviluppo del progetto, la maggior parte della produzione e le certificazioni sono effettuate presso lo stabilimento Alstom di Savigliano. I sistemi di segnalamento di bordo sono consegnati dallo stabilimento di Bologna.

La sede Alstom di Savigliano (CN), con circa 900 dipendenti e un’area di 323.000 mq, è oggi uno dei centri di progettazione e produzione più importanti dell’industria ferroviaria italiana.

Fondato nel 1853, il sito di Savigliano è centro di eccellenza mondiale. Savigliano è uno dei cinque siti Alstom nel mondo ad ospitare un reparto di costruzione specifico per la realizzazione dei prototipi (First Train Workshop) in grado di produrre e validare tutti i primi treni prima di cominciare la produzione di serie. Il reparto ospita non solo le linee produttive, ma anche tutte le risorse che contribuiscono alla realizzazione del progetto (Progettazione, Industrializzazione, Validazione, Supply Chain, Manufacturing Engineering, Business Excellence, Planning).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stanno per arrivare in Italia i primi treni a idrogeno: saranno un orgoglio piemontese

TorinoToday è in caricamento