Domenica, 13 Giugno 2021
social Centro / Via Giuseppe Verdi, 14

‘Piccolo mostro’, la fiction per i più piccoli si gira a Torino: in ‘prima’ mondiale gli attori recitano in simultanea con un alieno creato dal computer

Le riprese a giugno e luglio

Perché noi umani facciamo quello che facciamo su questo grosso, vecchio sasso che chiamiamo Pianeta Terra? Kiki, una bambina di 5 anni, lo scoprirà grazie a Kapuf, un extraterrestre che terrà in casa con il permesso dei genitori. Loro vedono in quell’alieno viola, in quel ‘Piccolo mostro’, soltanto un pupazzo dall'aspetto singolare. Per Kiki, invece, diventerà un amico inseparabile. I due impareranno a conoscersi e andranno alla scoperta del mondo. Saranno proprio i modi bizzarri e poco convenzionali di Kapuf, che si porta dietro le proprie ‘abitudini’ aliene, a stimolare tutta la curiosità di Kiki, già accesa dalla notizia dell’imminente arrivo di un fratellino.

‘Piccolo mostro’: il novello ET e l’innovazione tecnologica

Kapuf, questo il nome del 'Piccolo Mostro', un ET dei giorni nostri, sarà il protagonista della prima sitcom prescolare italiana. Con questo prodotto il centro di Produzione Rai di Torino, che è la casa di tanti programmi del servizio pubblico per ragazzi si apre a un nuovo genere, la fiction per bambini. Si tratta di 26 puntate da 11 minuti destinate a Rai Yoyo e coprodotte da Rai Ragazzi, Centro di Produzione Tv Rai di Torino e società Showlab, con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte.

In questa serie che si basa sui sentimenti di scoperta, di amicizia, di tenerezza, sullo sguardo curioso di Kiki e Kapuf sul mondo che li circonda, c'è anche una straordinaria testimonianza dell'attuale innovazione tecnologica, particolare motivo d'orgoglio per questa serie prodotta a Torino. Per la prima volta, a livello mondiale, infatti, viene affrontata in una serie televisiva a episodi la recitazione simultanea degli attori e dell’alieno in 3D CGI (Computer Generated Imagery) grazie all’impegno tecnologico congiunto di Centro di Produzione Rai di Torino e D-Wok, società specializzata in innovation design e nota per le scenografie virtuali per il teatro d’opera con Davide Livermore.

La sitcom è scritta da Alessandro Zullato e Davide Varone, per la regia di Davide Vavalà (Rai) e Stefania Gallo (Showlab) mentre il cast artistico è costituito da Erica Nebiolo (Kiki), Manuela Grippi (la Mamma), Simone Moretto (il Papà), Paola Roman (la Nonna) e dalla mima Martina Manera che, bardata con una tuta zeppa di sensori animerà Kapuf per tutta la durata delle riprese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‘Piccolo mostro’, la fiction per i più piccoli si gira a Torino: in ‘prima’ mondiale gli attori recitano in simultanea con un alieno creato dal computer

TorinoToday è in caricamento