Sabato, 16 Ottobre 2021
social

Luciana Littizzetto sull'addio di Ronaldo: "Come si fa a salutare con un 'Grazzie a tutti'?"

Nella prima puntata di 'Che tempo che fa'

Domenica 3 ottobre è iniziata la nuova stagione di ‘Che tempo che fa’. Nel programma di Fabio Fazio, che va in onda dal 2003, si è rinnovato l’appuntamento fisso con Luciana Littizzetto.

Finalmente anche il pubblico, definito dalla comica torinese ‘green-passato e sterilizzato dalla vaporella’, ha ripreso il suo posto per assistere alla puntata in diretta negli studi milanesi dove viene realizzato il programma.

Dopo le prime stilettate riservate a Fabio Fazio, in particolare alla sua barba bianca come il nonno di Reinhold Messner o il nonno di Heidi, Luciana ha raccontato le sue vacanze torinesi, necessarie dopo l'intervento in ospedale con cui ha tolto i fili e i ferri dalla rotula conseguenza di una brutta caduta in strada nel dicembre del 2019. “Adesso posso correre anche io come Marcell Jacobs, io faccio in 100 secondi 9 metri che per me è già un record.”

Questo è diventato lo spunto per soffermarsi sulle vittorie azzurre. “Abbiamo vinto tutto quest’estate. Tu hai vinto anche il premio simpatia”, scherza rivolgendosi al conduttore che ad agosto è stato insignito del Premio Simpatia dal Comune di Frabosa Soprana (Cn).

“Gareggiavamo qualche cosa e vincevamo. Ci fosse stato un premio per chi lancia la caccola più lontano vincevamo anche quello. Abbiamo vinto anche i tornei di polo, abbiamo battuto l’Inghilterra, che è come vincere ad un torneo di tango e battere l’Argentina, per dire. Mi chiedo se è possibile fondere insieme tutte queste medaglie d’oro farne un lingotto gigante grosso come Cuneo portarlo alla BCE e ripianare tutto il debito pubblico. È un’idea che do a Draghi”.

Luciana Littizzetto su Cristiano Ronaldo: "Come si fa a salutare con un Grazzie a tutti"

Non poteva mancare una battuta sull’addio di Cristiano Ronaldo alla città di Torino. “Spiace perché ci ha lasciato con un tweet: ‘Grazzie a tutti’, saranno contenti quelli della scuola per cui faceva da testimonial. Scegli il meglio, scegli Ronaldo”, ha detto scherzando la comica torinese.

Poi Lucianina ha proseguito così: “Ma puoi scrivere ‘Grazzie a tutti’? Sei ricco come la Norvegia, potresti comprarti la Normale di Pisa, Ronnie, avere un supplente a casa sempre che ti insegna l’italiano e scrivi così. Da fuoriclasse, stando sempre fuori dalla classe, non è che puoi imparare tanto. Poi magari si sarà detto pizza, puzza e razzo si scrivono con due zeta, anche 'Grazzie' si scriverà così. Spero almeno che scriva giusto Juventus e non Juventuz”.

Non è mancata una battuta, che è anche un attestato di stima, per l'operato del generale Figliuolo: “È andato dritto come una palla di cannone, un mito vero. Io fossi al posto di Mattarella gli darei una medaglia il problema che non sai dove mettergliela. È lastricato, anche stasera non gli sta più neanche una macchia di sugo, è come aggiungere una guglia al Duomo di Milano. Si potrebbe mettere una medaglia dietro solo che quando si appoggia poi è un casino e gli fa male. Sulla fronte non attacca. Una soluzione potrebbe essergli fargli due buchi nelle orecchie e fare gli orecchini. In alternativa potremmo fare un secondo strato di medaglie come per le lasagne”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luciana Littizzetto sull'addio di Ronaldo: "Come si fa a salutare con un 'Grazzie a tutti'?"

TorinoToday è in caricamento