menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ibis eremita: foto di Fabrizio Moglia

L'ibis eremita: foto di Fabrizio Moglia

L’uccello raro con il Gps che bazzica nel torinese: cosa fare se lo avvistiamo

Come bisogna comportarsi

Un ibis eremita è stato avvistato vicino a Venaria, nel Canavese e nel Biellese. In molti hanno segnalato al C.A.N.C, il Centro Animali non Convenzionali di Torino, la presenza di un grosso uccello con anello di identificazione.

Esistono soltanto 500 esemplari al mondo di ibis eremita (foto credit: Fabrizio Moglia). Questi animali fanno parte di un progetto europeo di ripopolamento. Sono stati allevati e poi addestrati a migrare, accompagnandoli in deltaplano a motore dalla Baviera, dove nidificano e Orbetello, dove svernano.

Sono tutti monitorati h24 tramite GPS e i loro movimenti sono seguibili da chiunque on line su un apposito sito.

Ibis_Eremita_2_Fabrizio_Moglia-2

Ibis eremita: come comportarsi

Questi esemplari sono in migrazione verso la Baviera e non vanno disturbati in alcun modo. “Aiutateli tenendo lontano curiosi o malintenzionati - raccomanda Il C.A.N.C., Centro Animali Non Convenzionali di Torino, attraverso la propria pagina Facebook  -eventualmente segnalando infrazioni ai Carabinieri Forestali, visto che si sta compiendo un reato molto grave. Sono abituati alla presenza dell'uomo essendo nati in cattività per cui sono purtroppo alla mercè di persone non amanti degli animali.  Cerchiamo di aiutarli nella loro vita libera non disturbandoli e proteggendoli durante la delicata fase di migrazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento