Cristallo o vetro: qual è la differenza?

Distinguere per apprezzare

immagine di repertorio

Due nobili materiali che non è semplice riconoscere ad occhio nudo, in realtà il materiale è uno solo: il vetro, che si ottiene dalla composizione chimica e dalla fusione di diversi elementi.

Quando contiene una percentuale almeno del 24 per cento di ossido di piombo si può parlare di cristallo e come tale può essere certificato. La certificazione è importante perché non è facile distinguere il vetro dal cristallo a prima vista.

Entrambi i materiali sono utilissimi ed ognuno offre vantaggi e svantaggi.

La certificazione del cristallo

Ad occhio nudo è molto difficile, quasi impossibile, riconoscere il cristallo dal vetro. Per questo sono molto utili le certificazioni, previste per legge. Sui prodotti in cristallo si tratta di un bollino rotondo color oro con su scritto: “cristallo con 24 per cento di piombo”. Se la percentuale di piombo è inferiore, per sottolineare la qualità del prodotto, si può parlare di
“cristalleria” o “cristallino”, di vetro pregiato o sonoro, ma non di cristallo.

I migliori prodotti in cristallo prevedono un certificato di garanzia e comunque è possibile richiedere la composizione del materiale di qualsiasi prodotto che acquistiamo, che ogni ditta seria acclude nella confezione.

Il vetro: costa meno ed è un materiale ecologico

Il vetro è un materiale fantastico, poco costoso, igienico, riciclabile, utilizzabile in tanti modi diversi. Lavorato con un certo spessore, non “suona” come il cristallo e perde in brillantezza ma assume una maggiore resistenza.

Il cristallo: brilla e suona ma è meno ecologico

Caratteristica fondamentale del cristallo sono innanzitutto chiarezza e lucentezza, quasi come un diamante. Poi la lavorazione sottile e resistente, anche intagliata. Infine il suono, unico, ben diverso dal vetro, un tintinnio che è musica.

La lucentezza è dovuta ai metalli pesanti presenti nella sua composizione, in particolare al piombo. E’ una luce che rende questo materiale molto apprezzato anche nella lavorazione dei gioielli ed altri oggetti per i quali la brillantezza è essenziale.

Non è però un materiale riciclabile e non va assolutamente smaltito con il vetro che resterebbe anch’esso contaminato dal piombo e dagli altri metalli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vetro e cristallo: come distinguerli ad occhio nudo

Abbiamo parlato dei pregi e difetti di vetro e cristallo ma come possiamo distinguerli ad occhio nudo? Certamente, solo guardandolo, non riusciremo a capire se l’ossido di piombo è proprio al 24% ma, osservando con attenzione, trasparenza, brillantezza e suono, possiamo facilmente capire se si tratta di cristallo o vetro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

  • Incidente in strada a Torino: tram investe pedone e lo uccide

  • Coronavirus: in Piemonte da lunedì didattica a distanza per il 50% degli allievi delle superiori (dal secondo anno)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento