Perché si dice: “Vate a caté an cassul”

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

immagine di repertorio

Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”. Fuori dal contesto nessuno ne capirebbe il senso, risulterebbe una frase sconnessa, ma nel contesto …. Non è un cuoco rimasto senza mestolo e non è un complimento, tutt’altro. Si usa per mandare qualcuno a quel paese. Potremmo dire, …mandarlo …. ma con stile e con un certo umorismo. Non è volgare e fa sorridere, ma il senso è proprio quello di mandare a quel paese.

Ci sono modi di dire molto più triviali, in italiano e anche in piemontese, per dire la stessa cosa. Per questo “vate a caté an cassul” potrebbe sembrare una perla da elevare a modello di un civile interloquire anche in una accesa disputa. Quasi un piacere a sentire, rispetto ad altre ben più gravi volgarità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

Torna su
TorinoToday è in caricamento