Perché si dice: “I l’hai daje el bleu”

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

immagine di repertorio

I l’hai daje el bleu. Si pronuncia “lai daie lblu” e letteralmente significa “gli ho dato il blu”. Dalla traduzione letterale non è facile cogliere il vero significato. E’ un modo di dire molto diffuso che si usa quando si vuole comunicare la chiusura totale del rapporto con un’altra persona, ma dev’essere una persona con la quale c’è stato un rapporto importante. Non si dà il blu al postino, al panettiere o ad un semplice conoscente.

Può essersi trattato d’amore, di amicizia o di lavoro, ma comunque tra chi dà e chi riceve il blu deve esserci stato, per un considerevole tempo, qualcosa di significativo, di importante. Non si dà il blu per un battibecco, un litigio, un malinteso del quale domani non ci si ricorderà neanche. Dare il blu indica una volontà forte, qualcosa di profondo e definitivo. La volontà di cancellare per sempre il rapporto con l’altro assieme a tutti i comuni ricordi.

In italiano potremmo tradurlo con “con lui/lei ho chiuso”, “l’ho lasciato/a”. Frasi brevi, altrettanto concise ma con molto meno fascino. Sarà per il colore, per il movimento, ma il detto piemontese ha tutto un altro fascino.

Come per tanti altri modi di dire, anche questo ha un’origine storica. Dopo la sconfitta di Napoleone ed il ritorno dei Savoia in Piemonte, bisognava cancellare ogni traccia del periodo di dominio francese. Coprendo appunto con il blu, il colore di Casa Savoia, ogni segno dei lunghi anni di occupazione francese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

  • Maestra licenziata per il video hard, la lettera di 200 giornaliste: "Grazie per aver denunciato: la vittima sei tu"

Torna su
TorinoToday è in caricamento