menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Come adottare un cane poliziotto 

Agenti a 4 zampe della Polizia di Stato in pensione: ecco come fare ad adottarli

Adottare un cane poliziotto. Avere un vero “Rex “ con noi. Un sogno realizzabile. Per gli amanti dei cani il momento dell’adozione è uno dei più emozionanti. Stai cercando  un amico che starà con te per tanti anni. Un amico a quattro zampe, il più fedele ed affidabile di tutti gli amici. La possibilità di adottare un cane poliziotto è certamente interessante anche se non è facile, innanzitutto per il numero limitato di animali disponibili, inoltre per l’esperienza richiesta nella gestione di questi cani. 

Giunti alla fine del loro servizio effettivo, anche i cani poliziotto vanno in pensione ed hanno bisogno di trovare il padrone giusto a cui affezionarsi. Come sempre è importante verificare che le caratteristiche del cane siano compatibili con quelle di chi intende adottarlo ed infatti in ogni canile, proprio per questo, prima dell’adozione, sono previsti appositi incontri tra l’animale, l’aspirante padrone ed il personale  del centro che conosce bene il cane ed il suo carattere. 

E’ una regola che ovviamente vale anche per l’adozione di un cane poliziotto. Sono animali addestrati e di carattere, il nuovo padrone dovrà avere una certa esperienza rispetto ai cani da guardia e da difesa.  

Adozione di un cane poliziotto: il colloquio di verifica

Generalmente i cani poliziotti  sono affidati ai loro conduttori, i loro compagni di lavoro con cui hanno condiviso anni di esperienze, ma non sempre gli agenti sono in condizioni di vivere in compagnia dei loro ex "colleghi" a quattro zampe. Per questo si è pensato di ricorrere all’adozione. Sul sito della polizia gli interessati possono trovare:

  • una scheda descrittiva del cane con il relativo profilo psicologico per consentire a chi vuole prenderli con sé una valutazione appropriata dell'impegno che intende assumere
  •  il modulo per la domanda di adozione
  • il modulo di revoca ( per annullare la precedente richiesta)

Dopo aver valutato le schede, il Centro di Coordinamento dei servizi a Cavallo e Cinofili decide le assegnazioni. All'atto del ritiro, il futuro padrone sosterrà un colloquio di verifica della compatibilità caratteriale con il cane, e della capacità necessaria alla gestione dell'animale.

Quando ci sono cani disponibili, la Polizia di Stato li segnala a questo link.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento