Coronavirus e scuola, didattica online e iniziative: la situazione a Torino e in Piemonte

Immagine di repertorio

Venerdì 3 aprile si è svolta, in videoconferenza, una seduta della commissione Cultura dedicata ad approfondire il tema della didattica online e i suoi attuali sviluppi nelle scuole di primo e secondo grado di Torino. Invitati dal presidente Massimo Giovara, sono intervenuti il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Fabrizio Manca, l’assessora all’istruzione Antonietta Di Martino e l’assessore ai sistemi informativi Marco Pironti.

Nel suo intervento, Fabrizio Manca ha brevemente ricordato quali sono stati finora gli interventi del suo Ufficio, rimasto operativo con un presidio ridotto per supportare dirigenti scolastici e docenti nelle attività di didattica a distanza. In particolare, Manca ha riferito i dati del monitoraggio effettuato su 100 istituti scolastici di Torino e Piemonte (57 di primo grado, 41 di secondo) nella prima settimana di marzo per conoscere quali scuole fossero già operative, con quali piattaforme e strumenti e come avessero affrontato le eventuali difficoltà incontrate.

Didattica a distanza: la situazione in Piemonte

Il quadro che ne esce racconta circoli di primo grado che utilizzano il solo registro elettronico all’85,7%, le piattaforme per la classi virtuali messe a disposizione dal ministero al 75% e sia registro sia piattaforme al 40%. Le scuole di secondo grado utilizzano per il 97% il registro elettronico, per l’85% piattaforme varie, per il 35% più strumenti. Manca ha poi dettagliato le risorse finanziarie messe a disposizione dal Governo: dello stanziamento previsto di 70 milioni di euro per dotazioni di dispositivi informatici e connessioni verso le scuole e gli studenti, al Piemonte sono arrivati 5 milioni e 546mila euro, a Torino 1 milione e 35mila euro. A questi vanno aggiunti 45 milioni di euro, distribuiti su tutto il territorio nazionale, per interventi di pulizia e sanificazione da effettuare nel momento in cui verranno riaperte le scuole.

Il direttore dell’Ufficio scolastico regionale ha poi segnalato che, solo per quest’anno scolastico, le scuole primarie hanno a disposizione una dotazione organica supplementare, non prevista dall’ordinamento, rappresentata da 71 assistenti tecnici per la regione e 35 per l’area metropolitana a sostegno delle attività informatiche. In conclusione Manca ha poi segnalato la forte preoccupazione per tutte le situazioni di forte criticità che presenta l’insegnamento a distanza per i soggetti più deboli: disabili, studenti con disturbi specifici dell’apprendimento, studenti lungodegenti in strutture ospedaliere, detenuti. Per tutti loro, chiarisce Manca, l’assenza di una relazione diretta con gli insegnanti, rischia di compromettere ulteriormente situazioni già piuttosto problematiche. Una situazione costantemente monitorata e sulle quali si stanno studiando eventuali interventi mirati per sostenere i docenti di sostegno.

Didattica a distanza: la situazione a Torino

Dal canto suo, l’assessora Antonietta Di Martino, è intervenuta per specificare le modalità di intervento messe in campo dalla Città e riguardanti sostanzialmente il sostegno alle famiglie con bambini in età prescolare. Da una parte il sostegno al reddito, con il rimborso dei pagamenti già effettuati per le rette di nidi e materne nei mesi di marzo e dei pasti non usufruiti nella scuola dell’obbligo, servizi che le famiglie non pagheranno fino a quando non torneranno ad essere utilizzati; dall’altra un contributo per l’orientamento delle famiglie sui prodotti elaborati dai servizi educativi e disponibili in rete quali: laboratori, contributi didattici e spunti di gioco. Per insegnanti, educatori e operatori sociali sono invece disponibili seminari e incontri sui portali gestiti da Torino città educativa.
In conclusione di seduta, l’assessore ai sistemi informativi Marco Pironti ha fatto il punto su strumentazione e connessioni. Ha chiarito che, in collaborazione con Università e Politecnico, è già stata avviata la consegna di 100 PC a studenti con difficoltà economiche mentre, per quanto riguarda le connessioni, dopo avere confermato l’impossibilità di “aprire” all’uso domestico Torino wi-fi, studiata per le aree pubbliche e per tempi limitati di connessione, Pironti ha precisato che è allo studio, in collaborazione con Fastweb, la possibilità di utilizzare la piattaforma wow-fi, già presente in città con oltre un milione di punti di accesso. Gli ostacoli da superare, in questo caso, sono i problemi contrattuali con Fastweb e quelli autorizzativi con i singoli utenti.

“Solidarietà digitale”: 100 pc in arrivo per studenti delle scuole secondarie

La Città di Torino si è attivata presso gli Atenei torinesi per trovare pc da donare agli studenti che in quest’anno scolastico dovranno affrontare l’esame di stato nelle secondarie di primo e secondo grado. Grazie a questa collaborazione, saranno consegnati alle scuole nei prossimi giorni circa 100 personal computer, da assegnare agli studenti torinesi che ne hanno bisogno. Disponibili anche numerosi kit di cancelleria, offerti dall’azienda Carioca di Settimo Torinese. Lo ha reso noto l’assessora all’Istruzione della Città di Torino Antonietta Di Martino, con gli assessori all’Innovazione Marco Pironti e all’Ambiente Alberto Unia, in una lettera inviata in questi giorni ai dirigenti scolastici.

La Città si è inoltre attivata con i principali operatori telefonici per reperire soluzioni di aumento della connettività sia attraverso strumenti portatili (come sim dati, saponette e usb) sia di infrastruttura con l’utilizzo di reti wifi private. Un’altra nuova iniziativa della Città di Torino per supportare insegnanti e allievi nel corso dell’emergenza coronavirus è l’utilizzo della piattaforma FirstLife per l’iniziativa EducaTo: un’idea di solidarietà digitale per far incontrare chi cerca beni (tablet, pc, materiali di cancelleria) e chi può metterli a disposizione. Le scuole potranno registrarsi alla piattaforma che si configura come una mappa interattiva e una bacheca, funzionante come un social network. Inserendo la scuola nella mappa sarà possibile indicare i beni accettati in donazione e le modalità di consegna.

La piattaforma FirstLife è stata ideata dall’Università di Torino ed è inserita nel pacchetto di iniziative di istituzioni e di privati Torino City Love, realizzata dall’assessorato all’Innovazione della Città di Torino. FirstLife si può utilizzare anche sullo smartphone ed è consultabile senza registrazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Queste nuove iniziative si aggiungono alle azioni di sospensione dei pagamenti per le rette dei nidi comunali, dei trasporti e della ristorazione per i periodi non fruiti e alla “didattica della vicinanza”, una raccolta di link per le insegnanti e di nuovi materiali didattici online realizzati da insegnanti ed educatrici comunali, oltre a occasioni di aggiornamento in forma di webinar formativi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento