rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Scuola

Abbonamenti bus e treno, sconti per gli studenti che vivono in montagna

La Regione ha messo a disposizione 500mila euro

Gli studenti di montagna potranno godere di un contributo regionale per l'acquisto di un abbonamento, per bus o treno, per andare a scuola a fondo valle. Lo prevede, per i residenti nei comuni montani di altitudine superiore ai 600 metri che frequentano le scuole medie superiori, lo specifico stanziamento di 500 mila euro che la Giunta ha destinato per questa sperimentazione già a partire dall'imminente anno scolastico. 

"Si tratta di un trasferimento diretto di risorse alle Unioni montane - ha spiegato l'assessore alla Montagna Alberto Valmaggia, a margine dei lavori della terza Commissione, presieduta da Raffaele Gallo -, alle quali potranno rivolgersi gli studenti, evitando lungaggini burocratiche, pensata per salvaguardare la residenzialità nelle terre alte". Illustrando gli interventi di propria competenza inseriti nel Documento di economia e finanza regionale (Defr) 2019-2021, lo stesso Valmaggia ha annunciato l’imminente presentazione di un Disegno di legge per offrire nuove prospettive alla montagna nell’ottica delle autonome locali.

Per quanto riguarda l’utilizzo dei fondi europei, si continuerà con il Programma di sviluppo rurale (Psr), il Programma di cooperazione transfrontaliera (Alcotra) con Francia e Svizzera e con il Leader (Collegamento tra azioni volte allo sviluppo delle economie rurali), un approccio che prevede strategie di sviluppo locale elaborate e attuate da Gal (Gruppi di azione locale), cioè partenariati composti da rappresentanti degli interessi socio-economici locali sia pubblici che privati.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbonamenti bus e treno, sconti per gli studenti che vivono in montagna

TorinoToday è in caricamento