Mercoledì, 19 Maggio 2021
Salute

Vaccinazione antinfluenzale, Piemonte al via il 26 ottobre

E andrà avanti oltre dicembre

La vaccinazione antinfluenzale in Piemonte partirà lunedì 26 ottobre 2020 e continuerà anche oltre il mese di dicembre 2020. Ad annunciarlo, la direzione dell’Assessorato regionale alla Sanità del Piemonte, comunicando ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta che, a partire da lunedì prossimo, 5 ottobre, potranno effettuare la prenotazione delle prime dosi presso qualsiasi farmacia. Sia per motivi di distribuzione che di contenimento delle quantità inutilizzate e della corretta conservazione, gli ordini di vaccino saranno commisurati alla seduta vaccinale programmata dal singolo medico.

L'importanza della vaccinazione quest'anno

Quest'anno il vaccino antinfluenzale è vivamente consigliato: "L'importanza di vaccinarsi contro l'influenza in fase pandemica - ha dichiarato Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di Medicina generale - è parte essenziale anche del controllo di diffusione del covid rispetto alle caratteristiche sintomatologiche della stessa influenza. L'influenza ha caratteristiche molto simili ed essendo i sintomi respiratori, il coronavirus può essere facilmente trasmissibile anche con un colpo di tosse. La vaccinazione - ha spiegato - permette di aiutare il servizio sanitario nazionale, il medico può fare più facilmente diagnosi differenziale se sa che quel paziente ha fatto il vaccino e nota sintomi influenzali".

Prima tranche di 400mila dosi

Il vaccino antinfluenzale disponibile per la campagna di vaccinazione 2020-2021 è il Vaxigrip Tetra (inattivato tetravalente), disponibile in maggior quantità in formato monodose. La prima tranche di fornitura è di 400 mila dosi, alla quale seguiranno altre tre tranche nelle settimane de 2, del 9 e del 16 novembre.

"La Regione - ricorda l'assessore alla Sanità, Luigi Icardi - ha provveduto per tempo, fin dall’aprile scorso, all’ordinazione di un milione e 100 dosi di vaccino, vale a dire il 54 per cento delle dosi in più rispetto a quelle utilizzate l’anno scorso (700 mila), con l’intento di allargare il più possibile la platea degli utilizzatori e facilitare così l’emergere delle diagnosi covid che, appunto, potrebbero essere condizionate dai medesimi sintomi dell’influenza stagionale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccinazione antinfluenzale, Piemonte al via il 26 ottobre

TorinoToday è in caricamento