Asl To4, servono altri posti letto per i pazienti covid: a Ciriè e Chivasso arrivano le tensostrutture

Saranno operative con l'arrivo del personale

La tensostruttura all'esterno dell'ospedale di Ciriè

Arrivano le tensostrutture per potenziare i posti per i pazienti covid anche a Ciriè e Chivasso. Lo ha previsto la Regione Piemonte per l’Asl To4: i tendoni, grazie alla collaborazione delle Forze Armate, della Brigata Alpina Taurinense e della Protezione Civile, sono stati allestiti nelle pertinenze dei due ospedali: già da una settimana ve ne sono due, per 28 posti letto complessivi, vicino all'ospedale di Chivasso, mentre una - con 12 posti letto - è stata montata ieri, venerdì 6 novembre, presso l’Ospedale di Ciriè.

Ora non resta che attendere l'arrivo del personale. Le tensostrutture infatti, saranno operative nei prossimi giorni, con l'arrivo di nuovi medici e infermieri e saranno utili a supportare i Pronto Soccorso, per chi è in attesa di tampone o per l’assistenza di pazienti affetti da covid-19 a bassa-bassissima intensità di cure, in attesa di ricovero.

“La scelta delle sedi dove posizionare le tensostrutture - spiega il Commissario dell’ASL TO4, dottor Luigi Vercellino - è conseguente al fatto che, in linea generale, i due Pronto Soccorso più vicini all’area metropolitana, Chivasso e Ciriè, risentono in misura importante di un incremento di pazienti affetti da covid con indicazione a osservazione e ricovero ospedaliero”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento