Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Salute

Tumori, al Gradenigo arriva 'Sorrisi in rosa': il festival della prevenzione

Presentato il libro con cento storie di donne

Approda anche al Gradenigo di Torino “Sorrisi in Rosa”, il festival di Humanitas dedicato alla prevenzione senologica con iniziative a Torino, Milano, Bergamo, Castellanza e Catania. L’inaugurazione si è svolta ieri, mercoledì 6 ottobre, in un evento in streaming con Gerry Scotti e con l'occasione è stato presentato il libro - 'Sorrisi in fiore'- che racconta la vita oltre il tumore e la forza femminile attraverso cento voci di ex pazienti, testimonial e associazioni come le onlus torinesi “Mettiamoci le Tette” e “Walce”. Ogni storia di donna è associata a un fiore per affrescare con semplicità quel prepotente senso di ritorno alla vita che tutti abbiamo sperimentato, seppur in modo diverso, con la pandemia e che è insito in tante storie di malattia. Con la consapevolezza che abbattere il tabù attorno alla malattia è un passo fondamentale verso la tutela della salute di migliaia di donne. II libro è disponibile sul sito www.sorrisinrosa.it per raccogliere fondi destinati ai progetti di Fondazione Humanitas per la Ricerca nell’ambito dei tumori tipicamente femminili.

“Sorrisi in Fiore”, che raccoglie anche le testimonianze dei medici di Humanitas, ha tante madrine: da Beatrice Venezi a Barbara Stefanelli, da Roberta Mirata a Martina Rodini, da Carla Diamanti ad Agnese Innocente. Senza dimenticare il mondo delle associazioni che hanno donato il patrocinio: le onlus torinesi Mettiamoci le Tette e Walce che da anni sostengono le donne colpite da tumore, oltre ad aBRCAdaBRA, Amiche per Mano, Europa Donna, Il filo della vita, LILT Milano e Bergamo, Fondazione Onda, Pink Amazon.

"Stiamo affrontando un altro anno particolare che ci richiede ulteriore impegno per garantire l’adeguato percorso di cura alle nostre pazienti – afferma il dottor Lucio Buffoni, responsabile Oncologia di Humanitas Gradenigo –. Il nostro ospedale è parte attiva della Rete oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, partecipa a nove gruppi di studio della stessa Rete e ha l’obiettivo di potenziare ulteriormente la propria attività in ambito oncologico".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumori, al Gradenigo arriva 'Sorrisi in rosa': il festival della prevenzione

TorinoToday è in caricamento