rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Salute Crocetta / Corso Galileo Ferraris

Al Koelliker sono operativi Mako e Navio, gli speciali robot per la chirurgia protesica di anca e ginocchio

I dispositivi sono in uso nei migliori ospedali del mondo

Mako e Navio, i robot ortopedici in uso nei migliori ospedali del mondo, sono già attivi anche al Koelliker di Torino. E si tratta della prima struttura piemontese a poter contare sui due dispositivi per la chirurgia protesica di anca e ginocchio che, da qualche giorno, vengono utilizzati dalle equipe dei dottori Andrea Losana e Gianmosé Oprandi.

Interventi ad alta precisione

Mako è l’ultima frontiera dell’ortopedia robotica: un brevetto americano che consente ai chirurghi di personalizzare, a seconda del paziente, il posizionamento delle protesi al fine di ottenere risultati ottimali con un livello di accuratezza e riproducibilità difficilmente raggiungibili con la tecnologia tradizionale. Mako è estremamente preciso: partendo dalla Tac del paziente, il sistema produce un modello tridimensionale sul quale il chirurgo può decidere con la massima meticolosità i parametri dell’intervento.

E a disposizione delle equipe ortopediche c'è anche Navio, un robot dotato di estrema accuratezza chirurgica che supporta il chirurgo in ogni fase dell’intervento di protesi di ginocchio. Il sistema robotico permette un’accurata realizzazione dell’intervento ricostruendo un’immagine 3D delle articolazioni e definendo l’esatto posizionamento delle componenti protesiche.

Il robot Mako si mostra al pubblico

Il Koelliker è ormai considerato un vero e proprio punto di riferimento a livello internazionale per la chirurgia robotica ortopedica ed è diventato anche Centro di Formazione per la robotica Navio per il Sud Europa, per gli ortopedici che vorranno acquisire le nuove tecniche, grazie soprattutto all’esperienza del dottor Oprandi (Early adopter della robotika Navio). E martedì 15 febbraio proprio il Koelliker organizza una giornata divulgativa per mostrare a tutti il robot Mako, normalmente “nascosto” in sala operatoria. Dalle 10 alle 13 il pubblico potrà salire su un grande truck - che in questi giorni sta facendo il tour d'Europa - parcheggiato nella via adiacente l'ospedale (ex via Contratti) all’interno del quale è riprodotta una sala operatoria per vedere i chirurghi (e il robot) all’opera su un osso finto. Un’occasione unica per vedere e capire come la tecnologia robotica cambierà l’ortopedia nei prossimi anni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Koelliker sono operativi Mako e Navio, gli speciali robot per la chirurgia protesica di anca e ginocchio

TorinoToday è in caricamento