menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, anche il Piemonte lavora per i tamponi a prezzo calmierato

Con il Green pass per gli spostamenti, aumenterà la richiesta presso le strutture private

Anche in Piemonte ci sarà un prezzo calmierato dei tamponi molecolari e rapidi per i cittadini che si rivolgeranno ai laboratori privati. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Luigi Icardi rispondendo a un’interrogazione a risposta immediata del capogruppo dei Moderati Silvio Magliano che chiedeva di avviare, a questo fine, un confronto con i privati. 

Con il 'Green pass', il tampone sarà obbligatorio

“Lo hanno raggiunto nel Lazio, fissando un prezzo di 22 euro a tampone, e in Emilia Romagna, 15 euro. Sarebbe significativo stabilire un accordo anche in Piemonte”, ha ricordato Magliano. Sottolineando anche che, con la creazione di un passaporto verde per gli spostamenti, il tampone molecolare o test rapido - salvo essere già stati sottoposti a vaccino o aver avuto il covid - sarà obbligatorio e questo porterà a un numero sempre maggiore di persone che ne faranno richiesta presso le strutture private. "Per questo - ha aggiunto Magliano - un accordo su un prezzo calmierato è importante. Pensate a quanto possa incidere, ad esempio, sul costo degli spostamenti di una famiglia di quattro persone”.

Interlocuzione avviata

L'assessore Icardi ha assicurato che l'interlocuzione con i soggetti privati è già stata avviata: "Con loro faremo le valutazioni per arrivare a un prezzo medio accettato da tutti”, ha spiegato, aggiungendo che è in corso una revisione delle procedure inerenti i soggetti autorizzati ai test per aumentare in modo significativo il numero dei laboratori, proprio in vista dell’incremento previsto della richiesta di test. 

“Già questo, per la legge della domanda e dell’offerta, dovrebbe portare a un calmieramento del prezzo. Quando poi avremo un quadro completo dei laboratori autorizzati, procederemo a concordare con loro il prezzo calmierato che sia uniforme in tutta la regione”. Icardi ha ricordato che “c’è anche una procedura aperta presso l’Istituto superiore di sanità per la validazione dei test salivari, sperimentati in due ospedali del Piemonte”.


    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento