Lunedì, 17 Maggio 2021
Salute

Al Mauriziano arriva un'apparecchiatura radiologica digitale di ultima generazione

Garantisce miglior qualità dell'immagine e rapide elaborazioni

L'ospedale Mauriziano ha una nuova apparecchiatura radiologica telecomandata di ultimissima generazione con tecnologia digitale diretta (Siemens - Luminos Drf MAX). Attualmente nella Radiodiagnostica del Mauriziano, diretta dal dottor Stefano Cirillo, vengono effettuate circa 64.000 prestazioni annue di radiologia tradizionale.

Le tipologie delle indagini effettuate sono principalmente esami contrastografici - transiti, clismi, cistografie, digerenti, videofluorografie -, segmenti scheletrici e radiografie del torace e dell'addome. Due delle apparecchiature utilizzate precedentemente per questa attività erano state installate nel 1997 e nel 2001 ed erano dotate ancora di tecnologia analogica, pertanto considerate di vecchia generazione.

Questo nuovo macchinario permetterà quindi la loro sostituzione e di portare il servizio di radiologia tradizionale all'altezza degli standard qualitativi che solo un sistema digitale diretto permette. Migliore qualità dell’immagine, maggiore accuratezza diagnostica e rapide elaborazioni in post-processing sono alcune delle peculiarità del nuovo sistema. Consentirà di eseguire esami con tempi più rapidi e con maggiore confort per il paziente.

L'apparecchiatura è inoltre dotata di un tavolo porta-paziente regolabile (da 48 cm a 98 cm), che permetterà un facile accesso e posizionamento dello stesso. Elemento di estrema importanza risulta essere la capacità di acquisire immagini con dose di radiazione ridotta e di quantificare il dato dosimetrico come previsto dalla normativa europea che entrerà in vigore dal 2020. Il costo del macchinario ammonta a 159000 euro, finanziati dalla Fondazione La Stampa Specchio dei Tempi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Mauriziano arriva un'apparecchiatura radiologica digitale di ultima generazione

TorinoToday è in caricamento