Morte in culla e malattie del sonno dei bambini, arriva un macchinario per la diagnosi precoce

Iniziativa dei Rotary Club

Il fenomeno della morte in culla è statisticamente frequente

Arriva domani, lunedì 4 febbraio 2019, all’ospedale Regina Margherita un nuovo apparecchio per approfondire e diagnosticare precocemente i disturbi cardiorespiratori e del sonno di natura neurologica.

Lo hanno donato alcuni dei Rotary Club su iniziativa della onlus Suid & Sids Italia, nata a Torino nel 2016, dalla volontà di alcune famiglie che hanno perso il proprio figlio improvvisamente a causa della Sids, la sindrome della morte improvvisa del bambino (meglio nota come morte in culla).

Il nuovo strumento sarà a disposizione del Centro della medicina del sonno e della Sids all'interno del presidio sanitario. La donazione potrà essere implementabile in futuro.

La morte in culla colpisce, statisticamente, circa lo 0,5% dei neonati.

Potrebbe interessarti

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Ragnetti rossi, come eliminarli in modo naturale

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Motociclisti morti: il ragazzo alla guida dell'auto che li ha travolti era ubriaco

  • Il re della pasticceria a Torino, Iginio Massari apre la sua "boutique"

  • Ronaldo apre le porte della sua villa e svela i suoi progetti: intervista tv con vista sulla Mole

  • Furgone-ariete sfonda la saracinesca del centro commerciale, poi i ladri fanno bottino pieno

Torna su
TorinoToday è in caricamento