Chivasso, inaugurato il nuovo laboratorio di Emodinamica

Operativo dal 2 marzo

L'inaugurazione

Inaugurato a Chivasso il nuovo laboratorio di Emodinamica. Una struttura che va ad aggiungersi a quelle degli ospedali di Ciriè e Ivrea, completando così di fatto un modello a rete sul territorio piemontese.

Il nuovo laboratorio è costituito da una sala dove è collocato l’angiografo, che permette di effettuare sia le procedure di emodinamica interventistica sia le procedure di elettrofisiologia. Inoltre ci sono una sala comandi per la gestione delle strumentazioni e per la refertazione e una pre-sala per la preparazione degli operatori. Il team di emodinamisti è formato da 15 persone.

Macchinari di ultima generazione

L’area dedicata al laboratorio di Emodinamica era già stata prevista nella realizzazione della nuova ala del Presidio Ospedaliero di Chivasso e fino a ora utilizzata esclusivamente per le procedure di elettrofisiologia. Il nuovo angiografo, fornito dalla ditta Siemens, è un’apparecchiatura di ultima generazione acquisita tramite piattaforma Consip. La modalità di fornitura scelta è il noleggio per sette anni, per un importo complessivo per l’intero periodo di circa 695 mila euro.

Numeri importanti

L'emodinamica è quella branca della cardiologia che analizza e studia il comportamento del sangue in movimento nei vasi (arterie e vene). Nel corso del 2019, nella sede di Ivrea sono state effettuate 1095 coronarografie e 645 interventi di angioplastica (di questi, 105 erano in urgenza); a Ciriè, invece, sono state eseguite 960 coronarografie e 575 interventi di angioplastica, di cui 141 in urgenza.

“Numeri che sono destinati ad aumentare con l’attivazione della sede di Chivasso – ha commentato il dottor Ardissone, direttore generale –, ponendo l’Emodinamica aziendale dell'Asl To4, che dispone di un’équipe medico-infermieristica in grado di garantire un’assistenza di altissima qualità e professionalità, tra le strutture più attive, non solo in Piemonte ma a livello nazionale”.

Orari e servizi

In una prima fase, dal prossimo 2 marzo, il laboratorio di Emodinamica di Chivasso sarà operativo al mattino, da lunedì a venerdì. Dal prossimo 1° maggio poi, sarà attivo 24 ore su 24. Le prestazioni effettuate nell’ambito dei laboratori di emodinamica (coronarografia e angioplastica) possono essere programmate, per diagnosticare tempestivamente eventuali ostruzioni delle arterie coronarie (coronarografia) ed effettuare, se necessario, l'angioplastica, cioè la disostruzione di una coronaria attraverso l'utilizzo di speciali dispositivi come palloncini e stent.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma le stesse prestazioni devono essere eseguite in urgenza in caso di infarto miocardico acuto, per evitare danni irreparabili al cuore e per ridurre il rischio di morte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento