Salute

È il Koelliker il primo ospedale italiano con sito internet accessibile a tutte le disabilità

L’utente può attivare la navigazione personalizzata in base al disturbo da cui è affetto

E' a Torino il primo ospedale in Italia ad avere un sito web totalmente accessibile alle persone con disabilità. Si tratta del Koelliker che, grazie alla partnership con la start up Accessiway, conferma il suo impegno nell’ottica di una sempre maggiore inclusività per una sanità alla portata di tutti. A partire da oggi, giovedì 16 settembre, i due siti web già attivi - www.osp-koelliker.it e www.ospedalinokoelliker.it - sono online nella loro versione ottimizzata, per essere fruibili da persone affette da diverse disabilità: cecità, disturbi visivi, cognitivi, motori ed epilessia. Nel pieno rispetto dunque delle WCAG 2.1, le linee guida di accessibilità del web, alle normative europee e quelle nazionali. Si stima che in Italia circa il 20% della popolazione abbia necessità di regolazioni di accessibilità personalizzate per navigare sul web, ma il 98% dei siti esistenti non risponde a questa esigenza.

Come funziona il sito

Una volta aperto il sito, cliccando sull’apposita icona dell’accessibilità, l’utente ha la possibilità di attivare la navigazione accessibile personalizzata in base al disturbo da cui è affetto. Attraverso l’interfaccia di accessibilità si può regolare il sito web per ottenere piena compatibilità con screen reader di testi, immagini e di tutti gli elementi della pagina per i non vendenti. E' possibile poi modificare l’interfaccia e l’esperienza utente con oltre 50 regolazioni, facilitare l’orientamento per le persone con disturbi cognitivi; attivare la compatibilità per navigazione da tastiera per le disabilità motorie, interrompere le animazioni lampeggianti che potrebbero innescare una crisi a persone affette da epilessia fotosensibile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È il Koelliker il primo ospedale italiano con sito internet accessibile a tutte le disabilità

TorinoToday è in caricamento