menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Fivet presso la Casa Valdese è stato inaugurato l'8 marzo

Il Fivet presso la Casa Valdese è stato inaugurato l'8 marzo

Riproduzione assistita: a sei mesi dall'inaugurazione, il Fivet abbatte le liste d'attesa

Raddoppiato il volume di procedure mediche

A soli sei mesi dall'inaugurazione presso la Casa della Salute Valdese, il Centro Fivet - centro di riferimento pubblico per la Regione Piemonte per la riproduzione assistita - registra i primi successi.  Grazie all'accorpamento aziendale, sono state abbattute le liste d’attesa e risulta essere più che raddoppiato il volume di attività.  Oggi per la prima visita, nella struttura di via Silvio Pellico a Torino, non si attende più di un mese e mezzo mentre nel 2017, quando il centro aveva sede all'ospedale Maria Vittoria, i tempi si allungavano fino a 8 mesi. E le cose migliorano anche con la seconda visita e l'inizio delle cure: per i primi cicli di stimolazione oggi infatti, non si aspetta nemmeno un giorno. 

“Il bilancio a sei mesi dall’inaugurazione della nuova sede attesta che abbiamo centrato l’obiettivo dell’abbattimento delle liste d’attesa e del raddoppio di attività, grazie al superamento dei limiti strutturali della sede precedente e all’incremento di organico – commenta soddisfatto Valerio Fabio Alberti, Direttore Generale della ASL Città di Torino – La ASL unica torinese ha uniformato l’offerta sul territorio cittadino, obiettivo prioritario indicato dalla Regione, con un polo di eccellenza competitivo, in grado di occuparsi della coppia a 360° nella gestione del percorso intrapreso”.

Assistenza a tutto tondo

La coppia che accede al Centro Fivet - articolato in un’area per l’accoglienza, le visite e i trattamenti sanitari e in una con blocco operatorio e laboratorio annesso - viene presa in carico sotto ogni aspetto. "La struttura - precisa il dottor e direttore del Centro Claudio Castello - è completa di sala operatoria dedicata nella quale vengono svolte, oltre alle attività ambulatoriali specifiche per la riproduzione assistita, isteroscopie diagnostiche e di chirurgia mininvasiva senza ricovero, anche al di fuori della ricerca di gravidanza e dell'età fertile. Inoltre svolge attività in collaborazione con l'Oncologia, nel contesto del progetto Save Fertility per la preservazione degli ovociti in donne giovani che devono sottoporsi a chemioterapia”.

Cause dell'infertilità

In Italia il 3% dei nati è frutto di tecniche di riproduzione assistita e in Piemonte il 2% dei nati. Principale problematica di infertilità femminile nella nostra Regione è l’aumento dell’età della prima gravidanza, soprattutto correlata al condizionamento indotto dal percorso studio-lavoro-famiglia che non agevola la maternità. Le pazienti che ricorrono alle tecniche di riproduzione assistita nella nostra regione hanno un’età media di 36 anni e anche la percentuale di successo delle procedure è sempre dipendente dall’età; uperiore del 50% per le donne sotto i 30 anni; nettamente in diminuzione, sino a un tasso inferiore del 10% per le over40, con una media statistica di successo del 33%.

Seguono cause ambientali e alimentari, come la insulino-resistenza, strettamente legata al metabolismo degli zuccheri. La causa principale dell'infertilità maschile risiede invece nel varicocele pelvico, non più intercettato dallo screening della visita medica militare, ormai abolita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento